NewsPolitica

Magenta, Ticino Notizie vi porta dentro alla macchina amministrativa di piazza Formenti

L'Assessore Simone Tisi: ecco l’attività dell’Anagrafe del Comune di Magenta. I dati salienti del primo quadrimestre del 2021”.

MAGENTA –  Spesso quando si parla di macchina comunale, gioco forza, ci si limita a quanto il cittadino percepisce direttamente. Banalmente, una aiuola mal curata, una strada “rattoppata”, la gestione del verde pubblico e della pulizia che lasciano a desiderare. In altre parole, servizi che il cittadino vede direttamente e, giustamente, rivendica nel caso in cui vi siano delle inefficienze. Ma il Comune non è solo questo. C’è infatti tutta una parte che potremmo definire di ‘back office’, quel lavoro oscuro, che svolgono i funzionari di piazza Formenti e che spesso e volentieri passa quasi inosservato. Noi di Ticino Notizie, grazie alla disponibilità mostrata dall’avvocato Simone Tisi, assessore alla partita, abbiamo deciso di ‘mettere le mani in pasta’ e disvelarvi anche quello che c’è dietro.

Innanzi tutto, c’è una realtà fatta di lavoro e passione. Di un personale che non è lì – come vorrebbe il luogo comune – solo per “timbrare il cartellino”. Ma, più nel dettaglio, ci sono una serie di “dati sensibili” sulla mole di lavoro che i nostri Uffici debbono sostenere, ma più ancora da questi numeri – che come tali parlano da soli, senza bisogno di commenti ulteriori – si possono estrapolare considerazioni interessanti. Che riguardano anche il nuovo ‘modus operandi’ della macchina comunale, sempre più proiettata verso la digitalizzazione. Questo è la prima puntata di un viaggio che periodicamente percorreremo insieme all’Assessore Tisi. Perché dietro al Palazzo, e ai tagli del nastro. C’è di più, molto di più.

buona lettura

F.V.

COMUNE DI MAGENTA

 

A cura di Simone Tisi, Assessore al Personale, Politiche per la famiglia, Servizi informatici e Anagrafici

La situazione di emergenza sanitaria ha richiesto e richiede una nuova e piu’ efficace azione della pubblica amministrazione, sia riguardo al suo funzionamento interno, che rispetto alla erogazione dei servizi ai cittadini.

Il settore Innovazione tecnologica – Centro Elaborazione dati del Comune di Magenta ha tratto una spinta propulsiva dal contesto pandemico.

Il Comune è sempre più on-line.

 Ai servizi offerti dagli Uffici Demografici del Comune si accede solo tramite appuntamento.

Ciò consente ovviamente di scaglionare gli accessi, applicare i protocolli di sicurezza anti-covid, evitare gli assembramenti ma anche ottimizzare il servizio reso.

L’appuntamento con gli uffici comunali può essere preso agevolmente inviando una mail all’indirizzo indicato sul sito web del Comune o anche tramite contatto telefonico.

I canali digitali sono consigliati e preferibili.

Il carico di lavoro degli uffici Anagrafe e Stato civile è rilevante.

Indico alcuni dati salienti.

Dall’inizio di gennaio al 30 aprile u.s. (quindi nel primo quadrimestre del 2021), l’Ente ha emesso:

  1. 767 CIE (Carte di Identità elettroniche);
  2. 2817 certificazioni allo sportello anagrafe e stato civile;
  3. 559 certificazioni emesse da portale con accesso alla certificazione on line tramite SPID / CIE;

ha gestito n. 4298 comunicazioni via posta protocollata in entrata per servizi demografici;

fissato n. 1314 appuntamenti prenotati on line;

gestito n. 215 pratiche di immigrazione;

  1. 187 pratiche di emigrazione;
  2. 114 cambi di indirizzo;
  3. 50 pratiche AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero);

Gli elevati volumi di pratiche gestite dagli uffici possono portare a situazioni di stress momentaneo del servizio, cui il personale riesce tuttavia a fare fronte con impegno e motivazione adeguati.

Il cambiamento dei servizi in un’ottica di transizione digitale è stato accolto favorevolmente dai cittadini.

Acquisita consapevolezza e familiarità riguardo la digitalizzazione dei servizi se ne potrà apprezzare sempre più la efficienza e praticità.

L’Ente è al passo con i tempi, ha attivato gli adeguati strumenti di semplificazione e digitalizzazione e continuerà su questa strada, come peraltro previsto dal CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale) e dalle Linee guida dell’AGID (Agenzia per l’Italia Digitale).

 

 

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi