Magenta/teatro: informazioni per lo spettacolo di domenica 23 con Giacomo Poretti

    190

     

    MAGENTA Ancora pochi giorni e tornerà il grande teatro al Lirico di Magenta.

    In vista dei due appuntamenti di sabato e domenica, la direzione artistica ricorda che l’ingresso sarà riservato ai possessori di abbonamento stagione teatrale 2020 e biglietti per la replica del 23 aprile 2020. Abbonamenti e biglietti vanno oblligatoriamente convertiti per una delle due repliche presso le biglietterie di teatro Lirico e Teatro dei navigli. 

    Sabato 22 e domenica 23 maggio 2021 andrà quindi in scena “Chiedimi se sono di turno”, di e con Giacomo Poretti, per la regia di Andrea Chiodi. Essendo la capienza del Lirico ridotta a 228 posti e per permettere a tutti gli spettatori di accedere in teatro, sono state previste, come per i precedenti recuperi, due repliche dello spettacolo. Entrambe avranno luogo alle h.18.00 dei giorni sopra indicati.

    Con “Chiedimi se sono di turno” Giacomo Poretti, del noto trio comico Aldo Giovanni e Giacomo, torna a teatro per raccontare una storia che nasce dalla sua esperienza personale. In ospedale si entra solo per tre motivi: se si è ammalati, se si va a trovare un ammalato, oppure se ci si lavora.

    aldo giovanni giacomo

    INFO 

    Centro Teatro dei Navigli

    mail: info@teatrodeinavigli.com

    cell: 3456711773

    Instagram: @teatrodeinavigli | Facebook: Teatro dei Navigli | Twitter: @TeatroNavigli

    Ufficio – segreteria: ex Convento dell’Annunciata, Via Pontida, Abbiategrasso (MI)
    Apertura al pubblico: MARTEDÌ e GIOVEDÌ, 15.00 – 19.00

    Teatro Lirico di Magenta

    tel: 0297003255

    Biglietteria – Via Brenno Cavallari,2, Magenta (MI)

    Apertura al pubblico: MARTEDÌ e GIOVEDÌ dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17 alle ore 19 – SABATO dalle ore 10 alle ore 12

    Articolo precedenteMagenta, è sempre scontro aperto tra Comitato Genitori e Direzione del Liceo Quasimodo
    Articolo successivoAbbiategrasso/Giro, le info ‘stradali’ per il 28. Bella lezione di Beatrice Poggi ai catastrofisti