Magenta, TARI: maxi manovra da 220 mila euro (di cui 120 mila euro da Palazzo Formenti)

    96

    MAGENTA –  Stamani poche ore prima dell’inizio del Consiglio comunale che sta andando in onda il Sindaco Chiara Calati e l’Assessore al Bilancio Simone Gelli hanno illustrato una serie di provvedimenti importanti in materia di TARI. “Una manovra – ha commentato il primo cittadino – che vale circa 220 mila euro tra i fondi che arrivano dal governo e quelli messi in campo dal nostro comune (120 mila euro)”.  “Si tratta di un piano fortemente innovativo – ha aggiunto il Vice Sindaco – che considera le chiusure dovute al lockdown oltre ai costi fissi per le nostre piccole attività produttive e commerciali”. Il Comune ha così messo in atto le nuove disposizione previste dall’ARERA –  l’operatore nella materia dei rifiuti – ma mettendoci anche del suo.

    Nel dettaglio, si tratta di 170 mila euro per dare una “boccata d’ossigeno” a chi deve ripartire dopo la crisi. “A ciò si aggiunge – ha rimarcato Gelli – l’aiuto alle famiglie per 50 mila euro. Non si tratta di aiuti a pioggia, ma che siamo andati ad identificare rispetto a nuclei familiari che si trovano in particolari difficoltà”. Così facendo il Comune darà una mano d’aiuto a circa 600 famiglie.  Senza dimenticare l’altro elemento significativo: “Come Comune abbiamo deciso di posporre il pagamento della TARI al prossimo 31 gennaio 2021 come prima rata e seconda al 31 marzo. Una misura non di poco conto in un periodo in cui ci sono parecchie scadenze che gravano in capo ai nostri concittadini” ha concluso Calati.

    F.V.

    Articolo precedenteTpl, tratta Magenta-Molino Dorino. Silvia Scurati (Lega): “Bus sovraffollati e scarsa sicurezza per gli studenti”
    Articolo successivoMal’aria, città assediate dallo smog: Milano è fanalino di coda