Magenta, stasera la Protezione Civile parte per le zone terremotate

    144

    Alle 21.45 partiranno Massimo Cassetta e Massimo Abbiati

    MAGENTA – Questa sera alle ore 21.45 il coordinatore del gruppo volontari di protezione civile del Comune di Magenta Massimo Cassetta e il vice Massimo Abbiati, a seguito di attivazione urgente pervenuta dal Gruppo Comunale di Protezione Civile dalla Città metropolitana, partiranno per le zone terremotate colpite anche dall’emergenza neve.

    The village of Campotosto (AQ) covered with snow, in Abruzzo region, central Italy, epicenter of today's, Wednesday, new earthquakes, L'Aquila, Jan. 18, 2017. Today three earthquakes hit central Italy in the space of an hour, shaking the same region that suffered a series of deadly quakes last year. The tremors were also felt in Rome. ANSA/ CLAUDIO LATTANZIO
    The village of Campotosto (AQ) covered with snow, in Abruzzo region, central Italy, epicenter of today’s, Wednesday, new earthquakes, L’Aquila, Jan. 18, 2017. Today three earthquakes hit central Italy in the space of an hour, shaking the same region that suffered a series of deadly quakes last year. The tremors were also felt in Rome. ANSA/ CLAUDIO LATTANZIO

    Con l’automezzo in dotazione, un Land Rover, raggiungeranno la zone interessate nella giornata di domani per prestare la propria collaborazione a favore delle persone terremotate.

    “Questa sera Massimo Cassetta e Fabio Abbiati, coordinatore e vice coordinatore del gruppo di Protezione Civile di Magenta, sono partiti in soccorso delle popolazioni terremotate. Ancora una volta i nostri magnifici “ragazzi” sono in prima linea là dove ci sono situazioni di grave emergenza: a loro il nostro “buon lavoro” e il nostro grazie. Delle realtà di Magenta di cui siamo orgogliosi, ci sono anche loro”, questo il commento del sindaco Marco Invernizzi sulla sua pagina Facebook.

    Articolo precedente‘Radici in crescita’: da domenica 22, Ticino Notizie pubblicherà il romanzetto di Ivan D’Agostini
    Articolo successivoPontevecchio: la morte di Antonio Craxi