Magenta, Sgarella non si ferma e sposta il tiro: “La Cattaneo? Ne deve fare di strada…”

    68

    MAGENTA –  “Non sono mai stato contro il sindaco. Lunedì sarò in Consiglio per votare il bilancio”. La ‘querelle’ sollevata qualche giorno fa dal commissario di Forza Italia Felice Sgarella e come già ampiamente previsto da Ticino Notizie, pare essere rientrata completamente, così come emerso dalla seconda (in pochi giorni) video intervista dello stesso a CAM.

    “Ho ascoltato la conferenza del sindaco Chiara Calati  e del vice Simone Gelli  e ho ottenuto le assicurazioni che chiedevo in merito alle opere da fare a Magenta per la via Garibaldi e la piazza Liberazione”. “I dubbi che avevo –  ha aggiunto Sgarella – sono stati fugati praticamente in toto. Mi spiace per il comportamento tenuto dagli amici di Forza Italia, in primis dalla nostra capogruppo Laura Cattaneo che ha letteralmente preso lucciole per lanterne”.

     

    Nuova bordata:”La Cattaneo? Ha preso lucciole per lanterne…”

     

     

     

     

    L’agente agitatore

    E qui Sgarella svela un retroscena: “Dopo i dubbi sollevati – ha spiegato il dirigente azzurro – avevo chiesto ai miei compagni di partito di attendere la conferenza del sindaco, ma la Cattaneo ha voluto fare di testa sua ed è andata avanti. E’ decisamente andata fuori dalle righe e le serve ancora un bel po’ di tirocinio. E’ troppo distante – ha affondato il colpo – la politica non si fa così, bisogna stare tutti in giorni in mezzo alla gente come fa il sottoscritto. Le dice che va in aereo? Beh io vado a piedi, sono sempre in piazza…”. Insomma, se da un lato Sgarella è rientrato nei ‘ranghi’ ricucendo lo strappo con il Sindaco,  dall’altra parte, ha aperto un nuovo fronte interno al suo partito. Ma che in Forza Italia le acque siano da tempo agitate non è una novità. E Sgarella, nella parte dell’agitatore pare trovarsi benissimo.

    F.V.

     

     

    Articolo precedenteCausa maltempo slitta di una settimana l’Asciutta del Villoresi
    Articolo successivoDomenica 25 ‘carovana tricolore’ di FDI ad Abbiategrasso, Magenta e Corbetta