Magenta, Scuola. Rescaldina risponde ai genitori e docenti dell’IC Carlo Fontana

    87

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Cari genitori, personale docente e non docente, e Dirigente Scolastico dell’IC Carlo Fontana, ricevo e con piacere rispondo alla vostra lettera, alle questioni che ponete alla attenzione della futura Amministrazione Comunale.
    Vengo al sodo evitando di soffermarmi sulla centralità della scuola come agenzia insostituibile per la tenuta della coesione sociale nella nostra realtà nazionale e locale perché sono convinto che proprio voi impegnati giornalmente nella scuola siate profondamente consapevoli dell’importanza del vostro lavoro.
    Rispondo da candidato sindaco sul tema della manutenzione degli spazi e degli arredi scolastici.
    Potrei dirvi che come Amministrazione orienteremo la copertura economica del piano Diritto allo Studio per questo scopo, ma sono consapevole che comunque i fondi a disposizione non coprirebbero tutte le necessità e al contempo priveremmo le famiglie di altri servizi essenziali.
    Per questo in concreto come Amministrazione agiremo in questo modo:
    Progetteremo e programmeremo un Piano Diritto allo Studio condiviso su priorità condivise con voi.
    Per trovare risorse economiche aggiuntive come Amministrazione metteremo a disposizione specifiche competenze professionali per partecipare in collaborazione con voi a bandi di Fondazioni che prevedono Aree di finanziamento specifiche sulle ristrutturazioni di edifici scolastici.
    Sosterremo in questo modo anche l’Associazionismo dei genitori che, tra l’altro, nella vostra realtà ha già portato a significativi risultati come l’attivazione della sperimentazione Montessori presso la scuola dell’infanzia Fornaroli.
    Sono a vostra disposizioni per ogni chiarimento che riterrete importante.
    Grazie per il vostro lavoro.


    Giuseppe Rescaldina, candidato Sindaco di ‘Assieme Ripartiamo’

    Articolo precedenteBià, “Al ritmo dello spirito”: il nostro 25esimo compleanno e il progetto Friends For Nigeria
    Articolo successivoMagenta, il libro del professor Chiodini: uno squarcio di luce sulla morte