Magenta, Sara Calicchio: ‘Da tempo vicina a FDI, ma non condivido gli attacchi a Del Gobbo. Sono sempre col cdx e pro Calati’

    108

     

     

    MAGENTA – Sara Calicchio è una giovane, dinamica ed impegnata donna magentina, 30 anni, sposata, che nel 2017 si candidò con Magenta Popolare a sostegno di Chiara Calati, rimanendo fuori dal Consiglio comunale per un soffio: prese infatti 86 voti.

    Ieri sera, nella prima versione della lettera con cui un gruppo di ex aderenti al movimento di Luca Del Gobbo prendeva le distanze dall’ex sindaco ribadendo la vicinanza al sindaco Chiara Calati, compariva anche il suo nome a fianco di Marradi, Corti, Valisi e altri.

    Un errore: Sara Calicchio NON aveva sottoscritto il documento. E ci spiega il perché.

    Premetto che da quasi un anno e mezzo sono vicina a Fratelli d’Italia, scelta maturata per ragioni che hanno anche un aspetto di carattere personale. Ma non ho motivi di rancore verso Del Gobbo, con cui mi sono parlata serenamente. Detto questo, ribadisco la mia vicinanza assoluta al centrodestra e a Chiara (Calati, nda)”.

    E allora cosa non hai condiviso del documento?

    La parte in cui si chiede in pratica di estromettere NCI dalla giunta: non penso sia giusto, Rocco Morabito, Massimo Peri e Cristiano Del Gobbo hanno ribadito la fedeltà alla maggioranza, provvedimenti punitivi non hanno ragione d’essere’.

    Ti senti ancora parte del centrodestra magentino, insomma..

    Certo, spero e auspico che la giunta Calati lavori per il bene di Magenta e che nel 2022 venga riconfermata dagli elettori’.

    Altro da aggiungere, madame?

    ‘Solo una cosa: non sono nessuno per dire agli altri cosa devono fare, posso dirlo solo a me stessa’.

    Caparbia la ragazza, fossimo i gerenti del centrodestra ce la terremmo stretta..

    F.P.

     

    Articolo precedenteNdragheta a Malpensa, Silvia Scurati: ‘Ottimo lavoro dei Cc, cancellare ogni traccia di infiltrazione malavitosa’
    Articolo successivo‘Ciao Nicola’. Il commiato di Claudio Pirola al ragazzo disabile annegato nel Naviglio