Magenta, Rocco Morabito si ‘rimette in sella’ per Chiara Calati

    158
    MAGENTA – Volto noto del ‘popolarismo’ magentino, gioventù nella Democrazia Cristiana, quindi Forza Italia e tutte le avventure politiche a fianco di Luca Del Gobbo, Rocco Morabito- consigliere comunale uscente- si rimette in gioco per Chiara Calati ed è il capolista di Magenta Popolare.
    Ecco la sua lettera di presentazione.
    Si comincia a pedalare per cambiare Magenta!
    Sono Rocco e pedalo da anni per cambiare la mia città.
    Fin da ragazzo ho vissuto la bella realtà dell’Oratorio poi ho continuato accompagnando i miei tre figli Sara, Erica ed Oscar. Per loro mi sono impegnato anche come Presidente di Istituto di circolo.
    Da trent’anni indosso con orgoglio la divisa da Vigile del Fuoco, più che una passione è un servizio che svolgo per i mie concittadini aiutato dai miei cari compagni di caserma. Meno male che tra i miei mille impegni ho sempre a mio fianco la famiglia, in particolare Daniela, mia moglie, che mi sopporta ogni giorno (come faremmo senza le donne!).
    Infine molti mi conoscono come politico. Il mio impegno è ventennale…penserete…troppi anni…Sì, perché come dico sempre quando fai politica, la politica entra nel cuore, non va più via. Per me è una passione che mi fa stare sempre aggiornato su quello che succede nella mia città, ascoltare pareri e critiche dai cittadini e rimanere sveglio fino a tardi magari discutendo con un collega di opposizione. Politica è anche amicizia, quando trovi persone con cui non condividi solo un simbolo di partito ma soprattutto valori e principi. Come immaginerete in più di vent’anni ne ho viste tante…, ma sono sempre stato fedele ad un unico ideale: la politica deve mettere al centro l’uomo e deve riconoscere la famiglia come perno della società. Questo è stato il mio principio che mi ha fatto sempre pedalare per cambiare la città e pensare al bene comune dei miei concittadini!
    Articolo precedenteMagenta, Street Fud col botto: 10mila presenze in 3 giorni
    Articolo successivoDal liceo Bramante alla campagna elettorale: 30 anni dopo, Luca Del Gobbo e Luca Zeta…