Magenta, rifiuti abbandonati sui marciapiedi. Magentino infuriato: “Mano pesante con gli incivili, vanno sanzionati duramente”

90

MAGENTA Inciviltà e maleducazione, ormai, la fanno da padrone. Rifiuti sparsi, mascherine buttate in strada come se nulla fosse, cestini stracolmi. Il magentino Alessandro Crespi martedì scorso è uscito di casa e si è trovato il cestino di via Casati strapieno di rifiuti che erano caduti anche sul marciapiede.

E non è la prima volta che succede. Anzi, è la regola. “Mi sono recato subito in Comune perché ritengo che sia l’ente preposto a dover dare delle spiegazioni a noi cittadini – ha detto – e la situazione si è subito risolta. Ma il problema rimane. Basta farsi un giro per le vie della città, e non solo di Magenta per rendersi conto di come siamo messi”.

Sotto accusa sono gli irresponsabili. Coloro che non si curano del bene pubblico e pensano di vivere in una discarica a cielo aperto. Quello che non raccolgono i bisogni del loro cane, quello che buttano le mascherine, quelli che lasciano i sacchetti di indumenti accanto ai contenitori per la raccolta. Perché tanto ci sarà qualcuno che li raccoglierà. “In alcuni comuni si stanno attrezzando con fototrappole e videocamere e riescono a individuare e sanzionare i responsabili – conclude – anche a Magenta dovrebbe essere così”.

 

Articolo precedenteCuggiono, dopo l’assoluzione Azzimonti torna a casa, ma la guerra continua:. Lui accusa e chiama i Carabinieri: “Minacciato continuamente”
Articolo successivoEsclusiva di TN dal mondo con William Ward: la gestione della pandemia in Inghilterra (VIDEO)