Magenta: pienone per E.T. e il suo libro

    66

    MAGENTA – La disaffezione dalla politica è sempre più palpabile, o semplicemente E.T. ‘tira’ più della politica. Sta di fatto che ieri sera, mentre in contemporanea, calava a Magenta un leader un po’ agée della politica nazionale (Massimo D’Alema ndr) ma comunque leader, nella vecchia Sala Consiliare di piazza Formenti, si sono date appuntamento oltre una cinquantina di persone per la presentazione dell’ultimo volume del nostro ‘E.T.’ al secolo Emanuele Torreggiani “Cenere e Luce”.  Con lui Fabrizio Berto Provera, che con il sottoscritto cura il blog Ticino Notizie e che nella sua introduzione ha fatto rivivere l’epoca del circo Barnum di Città Oggi. Al tavolo con l’autore anche Franca Galeazzi che si è soffermata sulla sua interpretazione di ‘nostos’ un concetto cardine attorno al quale ruota tutto il libro di E.T. ‘Nostos’ che per la nostra deve essere visto anche come nostalgia di quello che fu. “Perchè non dobbiamo aver paura di guardarci indietro e ricordare che cosa è stato”. Marco Invernizzi, presente non tanto nelle vesti di Sindaco ma soprattutto di amico di E.T., ha portato come il suo contributo alla serata. Un punto di vista sul presente e su un mondo dove il ‘nostos’ di E.T. dovrebbe essere visto come spunto per raccogliere dal passato alcuni tratti che erano più espliciti in personaggi che vengono tratteggiati da E.T. in “Cenere e Luce”. Ritratti di persone dignitose per le quali i contenuti e la dignità valevano più delle apparenze e delle cose materiali. Un insegnamento importante, specie per le giovani generazioni. Quindi, il protagonista che non ha mancato di ribadire come l’arte dello scrittore sia il “vero-simile” che è poi la cifra dei personaggi e delle vicende narrate da E.T. Che non guarda indietro ma che soprattutto ha immagini ben stampate dei protagonisti di queste pagine. Come quella di Piero Lucchetti, stimato medico,  che è andato avanti da qualche tempo, ma che per E.T. è sempre quello di un episodio di molti anni addietro ormai, raccontato ieri sera come se fosse successo solo qualche ora prima. Il librario Tino Malini che è anche editore di E.T. insieme al figlio Luca de La Memoria del Mondo ha concluso con un  appello alla lettura, soprattutto verso le nuove leve. “Perchè i bambini spesso amano i libri ma poi….”.  Ma poi… ci sono i genitori…

    F.V.

    Articolo precedenteCesare Nai: “Grazie Fondazione Per Leggere”
    Articolo successivoL’estate della Vecchia Botte diventa glamour