Magenta, Pd e Invernizzi calano l’asso (di comunicazione): Rossella Bartolucci

    95

    Curerà la comunicazione della lista civica del sindaco, dopo aver lavorato con Pierfrancesco Majorino

     

    MAGENTA -Una buona comunicazione fa vincere le campagne elettorali? Se dicessimo di no saremmo bugiardi, è uno dei lavori che facciamo. Ma se dicessimo sì dovremmo aggiungere che è una condizione necessaria ma non sufficiente.

    Epperò a Magenta- dove Giuseppe Rescaldina balla un po’ da solo, Silvia Minardi cerca di comunicare ma non è propriamente (per carattere) un idolo delle folle, il centrodestra sceglierà Chiara Calati ma ha soltanto Luca Del Gobbo, che capisce a menadito le regole del gioco, dove i Cinque Stelle ci paiono assai confusi ed autoferenziali- Pd e Marco Invernizzi premono assai sull’acceleratore.

    Il Pd, come scritto da Ticino Notizie prima di tutti, ha uno staff comunicazione composto da Eleonora Preti, Paolo Bovio e Luca Rondena.

    Poche ore fa, ironizzando sulla tabella che è costata il posto a Paola Perego, il Pd magentino ha pubblicato su Facebook i 6 motivi per scegliere Marco Invernizzi: recupero evasione, meno consumo di suolo, palestra scuola Sud, avvio recupero aree ex Saffa e Novaceta.

    Una scelta molto ironica, diremmo azzaccata. Ma non c’è solo lo staff comunicazione del Pd: domenica mattina, al Dolce Vita, si è palesata Rossella Bartolucci, docente magentina over 50, che è stata vicina a Pierfrancesco Majorino (candidato alle primari di Milano, in contesa con Beppe Sala bel 2016) e che pare destinata a curare la comunicazione della ‘civica’ di Marco Invernizzi, che si presenta questa sera (mercoledì), con parecchie sorprese.

    La Bartolucci (in foto a fianco) è una magentina attiva da tempo in seno alla Casa dei Diritti di Milano. Ovviamente di ispirazione culturale progressista, dimostra a nostro avviso una cosa semplice: eclissatosi Luca Del Gobbo, che aveva un grande talento da comunicatore, ed eccezion fatta per alcuni ragazzi della Lega e di Fratelli d’Italia (e Mariarosa Cuciniello di Magenta Popolare), in città il centrodestra brancola nel buio.

    Cappello  a larghe falde, sorriso contagioso, la Bartolucci sembra destinata a giocare un ruolo importante in queste elezioni. Lo (la) si vedrà   a breve.

     

    Articolo precedenteMabecart: proseguono i laboratori del sabato e le promozioni
    Articolo successivoI Comuni del sud ovest in visita ad Accumoli ed ai territori colpiti dal terremoto del 2016