Magenta: parte la raccolta fondi per il restyling del campo da calcio all’oratorio San Martino

185

MAGENTA – Sono trascorsi circa vent’anni dall’ultimo consistente intervento sul campo da calcio dell’oratorio san Martino di Magenta. A quell’epoca intervenne un unico benefattore.  Oggi si sta pensando ad un nuovo restyling con l’obiettivo di far partire i lavori a breve. È questa l’intenzione del parroco don Giuseppe Marinoni e di don Emiliano Redaelli,  il sacerdote che segue in particolare i ragazzi dell’oratorio.  “Tra qualche settimana – spiega il parroco – inizieremo a vedere la preparazione del cantiere, in modo da far partire i tanto sospirati lavori subito dopo le vacanze”. Non si tratta di un’impresa da poco.  Servono all’incirca 156mila euro e questa volta il prevosto si appella alla generosità di tutti i parrocchiani.  Ai privati cittadini, le famiglie,  le attività produttive e commerciali.  Da oggi parte ufficialmente la campagna fondi per il nuovo campo da calcio, basket e per lo spazio giochi. Prossimamente, annuncia don Giuseppe verrà sistemato un pannello in oratorio e in basilica in modo che tutti possano prenderne visione.  “Il campo da calcio – continua don Giuseppe – è stato virtualmente suddiviso in 1.200 zolle del valore di 125 euro ciascuna. Quando tutte le zolle assumeranno il colore verde brillante avremo concluso il pagamento del campo con tutti gli accessori”.

Il campo da calcio a sette rientra in una serie di interventi importanti che la parrocchia di San Martino ha avviato. Sono in fase di ultimazione i lavori relativi all’impianto elettrico della basilica. Ed è in attesa di autorizzazione da parte della soprintendenza delle Belle Arti di Milano e della Curia il restauro del santuario della Beata Vergine Assunta. “Mensilmente aggiorneremo sullo stato di avanzamento dei lavori – conclude – e sulla raccolta fondi.  Una prima tranche dei pagamenti è prevista a inizio lavori ed è pari a circa 39mila euro. La rimanente somma verrà versata tra settembre e dicembre di quest’anno.  Un doveroso ringraziamento a tutti coloro che vorranno sostenere questa iniziativa educativa a favore dei nostri ragazzi”. (Foto Roby Garavaglia)

Graziano Masperi

Articolo precedenteCristiani e immigrazione, un pensiero ‘eterodosso’- di Fabrizio Fratus
Articolo successivoIl welfare aziendale: una opportunità per aziende e dipendenti