Magenta: lunedì 5 marzo il “Progetto Martina”

    76

    All’Istituto Einaudi il pediatra Dante Cirillo parlerà dell’importanza della prevenzione

    MAGENTA –  Nei giorni scorsi le scuole superiori italiane sono state invitate dal Ministero della Salute a favorire la presentazione del “Progetto Martina”, l’iniziativa dei Lions Club e Leo Club. Il Progetto fa incontrare medici specialisti e studenti delle classi superiori, per dialogare sui temi della prevenzione e della lotta ai tumori, fatta con consapevolezza e conoscenza.

    I soci del Lions Club magentini lo illustreranno alle classi terze e quarte (un gruppo di tre classi) all’Istituto di via Mazenta lunedì 5 marzo dalle 11 alle 13.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Con loro sarà presente il dottor Dante Cirillo, dell’Ospedale cittadino “Giuseppe Fornaroli”. Cirillo è Dirigente medico dell’Unità operativa di Pediatria e Patologia Neonatale, con un incarico di Alta specialità in Diabetologia ed Endocrinologia Pediatrica. Fa parte del Gruppo di studio sul diabete della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica. Si occupa inoltre di problematiche relative all’adolescenza.

    Il dottor Cirillo interverrà sullo sviluppo dei tumori in giovane età, l’importanza di stili di vita corretti, le vaccinazioni consigliate. Presenterà gli argomenti con il supporto audiovisivo del materiale del Progetto Martina (slides, statistiche, fatti e numeri nazionali ed europei). L’incontro avverrà in modo aperto e colloquiale; per facilitare il coinvolgimento dei ragazzi non saranno presenti gli insegnanti. Seguirà la raccolta di un questionario, compilato in forma anonima, per valutare la comprensione del materiale illustrato. L’obiettivo dei Lions è estendere il Progetto Martina a tutte le scuole magentine e al maggior numero di classi.

    Articolo precedenteAl Justyn di Mesero mangi e balli dal giovedì alla domenica
    Articolo successivoTrecate, “caso Squillo” il Sindaco: “Il Pd rischia di essere spazzato via e…”