Magenta, le prime indiscrezioni sulla nuova Giunta: Enzo Tenti e Umberto Maerna in pole position. Luca Aloi chiede spazio

268

Rinascimento Magentino,  Restaurazione, o il giusto mezzo sulla scorta di una visione pragmatica della realtà delle cose? Dipende dai punti di vista. Di sicuro dopo avere incassato un autentico “successo di popolo” già al primo turno, Luca Del Gobbo è al lavoro per la sua squadra di Giunta.

Da un lato, ‘super Luca’ è tentato dalla scelta – ne ha pieno mandato popolare – delle mani libere, dall’altro, essendo uomo di partito, non può dimenticarsi delle segreterie e dei riti connessi a queste realtà da cui proviene. E allora Del Gobbo deve saper fare sintesi, dando un segnale di discontinuità ma al contempo senza ‘sbattere’ la porta in faccia agli alleati.

Usciti tutti pesantemente ridimensionati da queste elezioni e non per niente alcuni di questi – Lega in primis – sono tra i più agitati. Ad oggi in casa Lega si fa insistentemente il nome di Luca Aloi (nella foto qui sotto con l’ex Sindaco Chiara Calati tornata nella ‘sua’ Milano), tuttavia, c’è da ‘sistemare’ la posizione di Simone Gelli. Il vice Sindaco uscente ha già condiviso 10 anni di amministrazione con Del Gobbo. In quei due lustri lavorarono in grande armonia. E’ evidente che Gelli mette sul piatto anche questo.

D’altra parte Del Gobbo deve riuscire a far tornare i conti, anche rispetto ad uno scalpitante Aloi che vuole continuare ad essere nell’esecutivo cittadino, forte anche del fatto di essere stato il più votato in casa Carroccio.

In Forza Italia, Enzo Tenti attuale coordinatore cittadino di FI e per la zona del Magentino si “aspetta” molto da Del Gobbo. Lui ha scelto la strategia della marcatura a uomo seguendo i dettami del vecchio ‘Trap’. Di fatto, ha ‘francobollato’ Del Gobbo meglio di Claudio Gentile con Diego Maradona nella mitica Italia Argentina dei Mondiali del 1982… E’ stato il primo, prima di Natale (in realtà i primi a chiedere a Del Gobbo un passo avanti siamo stati noi di Ticino Notizie..) a sponsorizzare Del Gobbo come il Sindaco di tutti per far ripartire Magenta. Inoltre, non lo ha mai perso di vista per tutta la campagna elettorale…. e adesso, nonostante il consenso personale non sia stato un granché (29 preferenze), è quello messo meglio per entrare nella ‘stanza dei bottoni’.

Dalla sua Tenti porta l’esperienza come Sindaco di Vittuone.

Esperienza e competenza è quello che mette sul piatto anche Umberto Novo Maerna, manager affermato di una multinazionale e con alle spalle un excursus politico che lo ha visto Vice presidente della Provincia di Milano nella giunta Colli e alla guida di importanti holding nel campo delle Public Utility. Anche qui si punterebbe sull’affidabilità. Con Maerna poi si finirebbe per fare quadrato e non scontentare nessuno in casa Fratelli d’Italia. 

Dunque, Tenti, Maerna, Aloi, Gelli che potrebbe essere ‘ricollocato’ con la Presidenza del Consiglio comunale e poi ovviamente ci sarebbero gli Assessori della lista del Sindaco. Alessandro Pelizzari, per capacità, empatia, doti imprenditoriali e soprattutto per la conoscenza del mondo associativo (e non ultimo per il successo in termini di preferenze) è da quelli da considerare in pole position. Così come la più votata di tutte e di tutti Maria Rosa Cuciniello potrebbe entrare in Giunta.

Peraltro, anche per un discorso di ‘quote rosa’ il suo nome è quasi d’obbligo. Ovviamente tutto è ancora in movimento e tutto è ancora possibile. Lo scenario prospettato è quello più cauto e teso a mantenere serenità tra tutti gli animi e gli appetiti della coalizione. E contestualmente sarebbe anche quello che consentirebbe a Del Gobbo di avere accanto anche figure rodate per iniziare la ricostruzione. Ma naturalmente ci potrebbe essere anche una soluzione a sorpresa. Una tabula rasa e una ripartenza da zero.

Indubbiamente una possibilità molto più suggestiva e che ai Magentini darebbe l’idea di essersi lasciati il passato definitivamente alle spalle.

Però qui è anche corretto fare una riflessione di metodo: vale a dire passare dalla realtà ai fatti. Esiste una Magenta con un ipotetico ‘governo dei migliori’? Ma soprattutto questi presunti o tali migliori sono pronti a mettere il loro tempo a disposizione della loro comunità e del bene comune?

Più volte su Ticino Notizie abbiamo sponsorizzato nomi importanti, certamente capaci per ridare slancio a Magenta. Beh la risposta è stata sempre un gentile ‘No Grazie…’.

Ergo, anche Del Gobbo alla fine dovrà preparare la minestra con gli ingredienti che ha a disposizione…e pazienza se qualcuno sia in dispensa già da un bel po’ di tempo. L’importante è che sia buono, saporito e che soprattutto non si scaduto. 

 

F.V.

Articolo precedenteI Sindacati tornano a chiedere più sicurezza sul lavoro dopo l’incidente alla LTC Group di Legnano
Articolo successivoDalla Regione Lombardia quasi 5 milioni di euro per il turismo rurale