Magenta, le caldaie di STF acquisite da Termotecnica Industriale

    220

     

    MAGENTA – Si arricchisce di un nuovo capitolo la storia della Stf di Magenta, la società creata nel 1937 dalla famiglia Trifone, su cui era calato il sipario (almeno per quanto attiene la gestione familiare) per poi riattivare l’attività industriale con dei nuovi partner in veste di proprietari.

    La notizia, come si dice in questi casi, è l’acquisizione da parte della società TERMOTECNICA INDUSTRIALE S.r.l. della società PENSOTTI FLC S.p.A. di Legnano, azienda leader nella fornitura dalle piccole alle grandi caldaie, e della business unit STF di Magenta.

    Due operazioni rilevanti dal punto di vista strategico, grazie alle quali Termotecnica Industriale rafforza la sua posizione di azienda leader in Italia e all’estero nelle soluzioni di progettazione, fornitura, installazione e manutenzione di caldaie, tra cui caldaie industriali e generatori di vapore a recupero di calore.

     

     

    La Termotecnica Industriale S.r.l. nasce nel 1982 dall‘esperienza della famiglia Carucci nella progettazione e posa in opera di impianti industriali.
    Da allora e per decenni, l‘Azienda si é dedicata con impegno costante al consolidamento e alla specializzazione delle proprie competenze. Dalle analisi preliminari alla progettazione per costruzione, le attività svolte oggi comprendono la realizzazione chiavi in mano di complessi impianti industriali.

    Due anni fa, invece, era avvenuta la cessione del secondo ramo d’azienda di STF alla società tedesca Balcke Duerr, colosso teutone fondato nel 1989 e dal 2002 appartiene al gruppo SPX Corporation, una multinazionale USA che opera in ltre 35 paesi ed ha circa 15.500 dipendenti dislocati in varie nazioni.

    Con l’ingresso nel gruppo di Termotecnica, assieme alla sinergia di un’altra realtà importante qual è la Pensotti, la storia di STF può così proseguire.

     

    Articolo precedentePs Abbiategrasso/2, i 5 Stelle: ‘Accesso agli atti per capire cosa sta accadendo’
    Articolo successivoCorbetta, il Covid non cancella la Notte Nera: si passa.. ‘sul web’