Magenta, lavori di demolizione in corso nella ex Novaceta. Movimento Dignità e Lavoro preoccupato: “Diano rassicurazioni ai cittadini”

382

MAGENTA Una coltre di pulviscolo proveniente, questa mattina, dall’area ex Novaceta ha preoccupato non poco i residenti dell’area attorno a quello che era lo storico stabilimento magentino. Sono in corso i lavori di demolizione e fin qui tutto bene. Molti, giustamente, vorrebbero sapere se tutto sta avvenendo in sicurezza. Alcuni scatti sono stati inviati al Movimento Popolare Dignità e Lavoro che, con il presidente Paolo Chianura e con Mario De Luca, si è fatto vedere sul posto.

“Hanno demolito la centrale termoelettrica – ha detto De Luca – Ci chiediamo come mai non sia stata avvertita la popolazione di queste operazioni in corso”. Il dubbio riguarda la presenza di polvere amianto nell’area. Anche se il Movimento è certo che siano in corso operazioni di demolizione con presenza di amianto nel sottosuolo.

“Ci saremmo aspettati, quanto meno, una rassicurazione da parte della ditta che sta eseguendo i lavori – continua – tenendo presente che non basta dire che tutto si sta eseguendo come si deve e senza problemi per la salute, ma vogliamo vedere la tracciabilità di quanto si sta facendo”. A preoccupare il Movimento c’è il discorso di un territorio che sembra interessarsi poco dei lavori in corso all’interno della ex Novaceta. Il Sindaco Luca Del Gobbo ha ascoltato chi si sta occupando dei lavori la settimana scorsa. Persone serie che non lasciano nulla al caso e che desiderano avere un incontro con il Movimento nel breve termine.

“Da loro è arrivata la rassicurazione che tutto si sta svolgendo in sicurezza – commenta – In ogni caso continueremo a monitorare attentamente la situazione”. Dal Movimento arriva la promessa che non abbasseranno la guardia. E non solo. “Se non otterremo le risposte che vogliamo andremo in Procura carte alla mano”, assicura De Luca.

Articolo precedenteConfcommercio: il prossimo 7 ottobre il convegno con la Banca d’Italia. “Le imprese e i mercati internazionali”
Articolo successivoDa Bernate Ticino ad Arluno: domenica 2 ottobre va in scena la ‘Tapasciada bici tav’