Magenta: l’aprile di Hammy nel segno degli.. asparagi

    18

     

    MAGENTA – Archiviata la Pasqua è già tempo di pensare al nuovo ciclo di serate di degustazione proposte da Hammy Bistrot.

    Il locale di Luca Selmo propone in va Garibaldi (come ormai sono abituati i tanti clienti) 4 serate, da aprile sino a luglio, in cui dedicherà spazio agli ingredienti di stagione.

    Si parte mercoledì 18 aprile con gli asparagi: del resto sono l’ortaggio protagonista della primavera, germogli giovani e teneri che spuntano con l’arrivo della bella stagione e che simboleggiano il risveglio della natura. Lungo, affusolato, cicciotto, selvatico, coltivato, verde, bianco o violaceo: sono tutti aggettivi che spesso associamo agli asparagi, ortaggi più graditi tra quelli protagonisti dell’inverno. Questa pianta di cui si usano per lo più le punte, è prediletta dagli amanti del risotto e delle uova, dato che in entrambi gli abbinamenti il sapore dolce e allo stesso tempo pungente ben si sposa sia con il riso che con il tuorlo.

    Il 18, dalle 21, Hammy proporrà petto d’oca e carpaccio di asparagi, flan di asparagi con fonduta di Pecorino, riso agli asparagi e dolce. In abbinamento, dalla Franciacorta, le bollicine Monogram dell’azienda Castel Faglia.

     

     

    Gli asparagi sono molto versatili: possono essere verdi, dolci e dall’aroma che ricorda l’erba appena tagliata. Oppure bianchi, dal sapore così delicato e fine che si possono mangiare anche crudi, in carpaccio. Gli asparagi sono poco calorici (29 cal/100 g) e ricchi di acido folico (vitamina del gruppo B) e di asparagina, sostanza che aumenta la resistenza alla fatica. Hanno proprietà antiossidanti, diuretiche, disintossicanti.

    Il costo della serata è di 35 euro, i posti rimasti sono pochi: per prenotarsi basta telefonare allo 0297001540, oppure scrivere alla pagina Facebook ‘Hammy Bistrot Magenta’.

    Le serate di degustazione proseguiranno il 16 maggio con ‘Mare e Vermentino’.

     

    Articolo precedenteElezioni, ‘Bareggio nel cuore’ apre la sede. E con la Lega? Garavaglia dice che..
    Articolo successivoVite del Ticino, di Giuseppe Casarini