Magenta, la primavera di Hammy Bistrot parte col grande Sergio Foglino

    113

    Altri tre appuntamenti da non perdere: giovedì 13 aprile, quindi maggio con Sua Maestà Claudio Cavicchioli e infine a giugno

    MAGENTA – Se non avete mai conosciuto gente come Sergio Foglino, nella vostra vita, potete rimediare solo all’Hammy Bistrot di Magenta, dove Luca e Marco Selmo continuano a portare alcuni dei più grandi personaggi italiani del panorama enogastronomico.

    Ad aprile ricominciano infatti gli appuntamenti mensili con le serate di degustazione proposte dal locale di via Garibaldi. E giovedì 13 aprile a Magenta, direttamente da Castel Boglion (enclave astigiana del grande vino di qualità), arriverà questo folletto imprevedibile, innamorato a tal punto del suo lavoro da aver prodotto vini clamorosamente personali ed irrituali, per la tradizione astigiana.

    Sergio proporrà ad Hammy una selezione dei suoi vini. Ne produce diversi, tutti straordinariamente buoni: Piemonte DOC Pinot Noir (Gus), Piemonte DOC Chardonnay (La Gianola), Barbera d’Asti DOCG (Costa del Sole), Vino Spumante Metodo Classico (7.0), Vino Passito (SerGino), Grappa Pinot Noir, Grappa di Barbera.

    In abbinamento, Luca Selmo e lo staff di Hammy proporranno prosciutto crudo di Cuneo Dop e una selezione di formaggi di Langa.

    LA TRADIZIONE CASEARIA DI LANGA ANNOVERA TRA LE SUE PRODUZIONI TUTTI I FORMAGGI DI PICCOLA PEZZATURA, CHE VENGONO GENERALMENTE CONOSCIUTI CON IL TERMINE DI ROBIOLE. Formaggi che sono prodotti e lavorati per lo più nei territori dell’Alta Langa albese e astigiana e si sono guadagnati nel corso degli anni, per le loro eccellenti qualità, l’attribuzione della Denominazione di Origine Protetta (Dop), soprattutto con i formaggi Murazzano e Robiola di Roccaverano.

    I posti per questa eccezionale serata (al prezzo di 35 euro) sono come sempre limitati, prenotare subito il vostro tavolo allo 0297001540. Info anche sulla pagina Facebook ‘Hammy Bistrot Magenta’.

    Il 18 maggio, sempre da Hammy, arriverà un altro mostro sacro come Claudio Cavicchioli. Ma avremo tempo per parlarne…

    Forza Sergio, ti aspettiamo a Magenta per farci rivivere le grandi emozioni che sapevano darci sole le parole di Giacomo Bologna: “Costruitevi una cantina ampia, spaziosa, ben aerata e rallegratela di tante belle bottiglie, queste ritte, quelle coricate, da considerare con occhio amico nelle sere di Primavera, Estate, Autunno e Inverno sogghignando al pensiero di quell’uomo senza canti e senza suoni, senza donne e senza vino, che dovrebbe vivere una decina d’anni più di voi”.

     

    Articolo precedenteFunakoshi Karate Abbiategrasso: 7 ori alla Shokotan Cup del 2 aprile!
    Articolo successivo‘E adesso.. pasta’, i Pirovano tornano a ‘sfornare’ delizie in via Roma a Magenta