Magenta: la notte della Musica conquista Villa Naj Oleari

    216

    MAGENTA- Ieri,  in occasione del Festival del Solstizio, in villa Naj Oleari si è tenuta La notte della musica dalle 19  fino a notte fonda. La serata è stata così suddivisa: una prima parte fino alle 21:30 circa dedicata alla musica classica, poi, l’atteso intervento del sindaco Chiara Calati e infine dalle 22 musica pop per tutti. L’evento ha richiamato molte persone; vi hanno partecipato anche famiglie coi loro piccoli che scorrazzavano per il bellissimo parco della villa e molti giovani, alcuni con tende e sacchi a pelo pronti ad accamparsi per trascorrere lì la notte.

    Vorremmo concentrarci su quello che è stato il momento cruciale della serata: il discorso del Sindaco e la premiazione delle 128 associazioni che rendono Magenta una realtà quanto mai vitale sotto quest’aspetto. “[…]Senza di voi Magenta non sarebbe Magenta”: queste, tra le altre, le parole della lettera che il Sindaco ha voluto leggere e dedicare ai rappresentanti delle associazioni presenti chiamati, uno alla volta, per una stretta di mano col Sindaco e per un significativo riconoscimento.

    “Voi, con il vostro operato, contribuite a diffondere la cultura e la storia, a far amare la musica, l’arte e lo sport, a sostenere ed aiutare tutte le persone più fragili e chi è in difficoltà, a tutelare la nostra sicurezza e la nostra incolumità, a svolgere un’importante azione educativa verso i nostri giovani […]. I valori dell’altruismo, del rispetto, della gratuità, dell’ impegno, della fatica, della gioia di stare insieme a lavorare in squadra ognuno secondo le proprie attitudini e le proprie passioni, sono i principi fondamentali da trasmettere alle nuove generazioni.” Questo il messaggio che il Sindaco ha voluto trasmettere al pubblico.

    Alla fine è stato conferito un riconoscimento anche a Pietro Pierettori presidente della Pro Loco Magenta per il suo costante impegno volto all’organizzazione della rievocazione storica della Battaglia di Magenta, che quest’anno ha celebrato il 160esimo anniversario, permettendo alla comunità di condividere, ancora una volta, i valori di libertà e appartenenza che sono stati conquistati con l’Unità di Italia.

     

     

     

    Giulia Accardo

    Articolo precedenteFiat 500 rubata ritrovata dai Carabinieri in un capannone di Gaggiano
    Articolo successivoAscoltati da noi per voi- Nils Lofgren, la vita oltre il Boss. Di Claudio Trezzani