Magenta, la Lega Nord presenta la sua squadra nella ex sala consiliare

    104

    Massimo Garavaglia, Fabrizio Cecchetti e Chiara Calati gli ospiti della segreteria locale del Carroccio

    MAGENTA – Nella ex sala consiliare di piazza Formenti, la Lega Nord di Magenta ha presentato la propria squadra in vista delle comunali dell’11 giugno.

    Ha esordito il vicesegretario della Provincia Ticino, Alessio Zanzottera, secondi cui “quello di Magenta è stato un buon accordo. Chiara Calati è un’ottima candidata, la Lega cittadina è sempre stata molto attiva. Spero che la Lega possa tornare a essere forza trainante e di governo”.

    Il segretario cittadino, Stefania Bonfiglio, ha parlato dell’aspirazione a una Magenta “capace di tenere viva la tradizione e il senso di comunità. Vogliamo una Magenta sicura, serena. Temi che svilupperemo ulteriormente venerdì sera, durante la presentazione del programma del nostro candidato Chiara Calati. Vogliamo porre l’attenzione sulle attività commerciali, consentendo a Magenta di essere e diventare attrattiva per le imprese. Serve concretezza, come ad esempio sul tema dei migranti: la nostra città dovrebbe averne più di 60, invece ne ha 130. Abbiamo già dato”.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    E’ poi toccato alla presentazione dei candidati, a partire da Simone Gelli, il quale a sua volta ha presentato la seconda candidata in lista, ossia la stessa  Bonfiglio.

    A seguire il dottor Franco Bertarelli, già sindaco dal 1993 al 1995; quindi Luca Aloi e Kevin Bonetti, i due giovani che vantano ormai una pluriennale esperienza;  quindi Elena Palumbo, Fabio Torani, Pia Rosa Maso, Gianluigi Pessina, Dario Oldani, Simona Mercalli, Franco Palmieri, Rosanna Torretta, Ivan Fasano, Linda Colombo, Antonio Spoto.

    Ha portato il suo saluto Fabrizio Cecchetti, consigliere federale e neo componente della segreteria federale di Matteo Salvini, oggi fare politica è un atto di coraggio, chi si mette in gioco metta tanta passione e voglia di mettere a disposizione il tempo libero. Vi auguro sinceramente buona campagna elettorale, da parte nostra c’è la massima disponibilità. Dopo le elezioni saremo impegnati nella grande battaglia del referendum sull’autonomia lombarda il 22 ottobre, che non sarà la consultazione della Lega ma del popolo lombardo. Dobbiamo ridare  vigore alla nostra economia, ci sono migliaia di imprese che hanno chiuso e lasciato a casa tantissimi lombardi. E toccherà alla Lega di Matteo Salvini a portare avanti la battaglia dell’autonomia dei popoli”.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    E’ poi toccato all’assessore regionale Massimo Garavaglia. “Chiara, sei una ragazza fortunata. Nella lista della Lega che ti sostiene ci sono esperienza e rinnovamento; i temi su cui ci confrontiamo a Magenta sono quelli su cui la sinistra è in grande difficoltà. Prendiamo il sociale: ci sono soldi per finanziare con 3.500 euro al giorno la Vincenziana, mentre i fondi per i poveri italiani dei piani di zona sono calati del 70%. Tagli cui Regione Lombaria reagisce aumentando gli investimenti, come i 16 milioni di euro per l’ospedale Fornaroli. Per non parlare della strada per Malpensa, che sarebbe già potuta essere cantierizzata, e invece per i tentennamenti degli enti locali- alcuni soprattutto- è ancora ferma”.

    Ha concluso il candidato sindaco Chiara Calati, secondo cui “la presenza di autorevoli esponenti di Regione Lombardia è essenziale. Ci siamo uniti sulla base di programmi condivisi, quindi siamo una squadra che potrà governare. Abbiamo molti giovani in squadra, siamo impegnati sul tema della sussidiarietà e cercheremo di far tornare grande la città di Magenta”.

    Venerdì 19 maggio, dalle 21 in sala consiliare, la presentazione del programma di tutta la coalizione a sostegno di Chiara Calati.

     

    Articolo precedenteRadici in crescita, sequenza giornaliera degli accadimenti, di Ivan D’Agostini- 10 maggio
    Articolo successivoEzio Santin compie 80 anni. I grandi uomini vengono da lontano