Magenta inizia a prepararsi al Falò di Sant’Antonio

    68

    La grande pira sarà accesafalopnfalo3, come da tradizione, martedì 17 gennaio alle 21 nel campo di proprietà comunale in zona Bellaria, nella frazione di Pontevecchio. Sabato 14 gennaio, alle 21, al Lirico, il concerto a cura del Corpo Musicale dei Pompieri  Armando Pumilia.  Tutte le prescrizioni da rispettare per chi intende ottenere l’autorizzazione del Sindaco per il falò

    MAGENTA – L’Amministrazione comunale, in collaborazione con il Comitato Civico di Pontevecchio e il Corpo Musicale Santa Cecilia, sta organizzando il tradizionale falò di Sant’Antonio che si terrà martedì 17 gennaio alle 21, in un campo di proprietà comunale in Via San Luigi (zona Bellaria) a Pontevecchio.
    E’ importante sapere che, con delibera di Giunta Regionale DGR IX/2820 del 22/12/2011, Regione Lombardia consente, previa autorizzazione del Sindaco competente, “falò e fuochi in occasione di feste, sagre di paese o comunque di eventi attinenti ai rituali calendariali della tradizione popolare culturale della Lombardia. L’autorizzazione deve comunque assicurare il rispetto delle norme vigenti e prevedere eventuali prescrizioni a garanzia della sicurezza dei cittadini e dell’ambiente.”
    Richiamata la delibera regionale, l’Amministrazione comunale di Magenta informa pertanto coloro che intendano organizzare spontaneamente falò in occasione di Sant’Antonio che l’organizzazione è possibile solo se autorizzata dal Sindaco, al quale va indirizzata espressa richiesta. In ogni caso, se il falò sarà autorizzato, gli organizzatori dovranno rispettare le seguenti fondamentali prescrizioni:
    1) la catasta lignea dovrà essere collocata ad adeguata distanza dalle costruzioni edilizie, in modo da non costituire pericolo per le stesse una volta accesa
    2) la catasta per il tradizionale falò dovrà essere composta da materiali lignei conformi a quanto stabilito dalla  D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. (Testo Unico Ambientale), cioè legna vergine, pellet e materiali ad essi assimilabili non contaminati da inquinanti di qualsivoglia natura
    3) non dovranno essere in alcun modo bruciati materiali rientranti nella fattispecie “rifiuti” (art. 184 Testo Unico Ambientale), ossia mobili o parti di essi, bancali, assi di legno, porte e serramenti, scarti di materiale edile, residui vegetali derivanti da attività di giardinaggio domestico e di manutenzione di altre aree verdi urbane, parchi e giardini pubblici e privati, ogni altro materiale classificabile come  “rifiuto”ai sensi della vigente normativa.
    4) la catasta dovrà essere perimetrata con transenne poste ad una distanza non inferiore a metri 10, misurati dalla base della catasta stessa, per la creazione di un’area di sicurezza, che dovrà essere lasciata completamente sgombra.
    5) gli spettatori dovranno essere tenuti a prudente distanza e si dovranno lasciare libere e opportunamente segnalate vie di deflusso da utilizzarsi in caso di necessità e/o emergenza.
    6) si dovrà, nei limiti del possibile, evitare la caduta di scorie e materiale incandescente nelle aree limitrofe al falò.
    7) al termine della manifestazione l’area dovrà essere ripulita e bonificata.

    La richiesta di autorizzazione del Sindaco può essere avanzata scrivendo a sindaco@comunedimagenta.it.

    Contatti Segreteria del Sindaco: 02 9735345 – 350, 1° Piano del Palazzo Comunale.

    Articolo precedenteDirettiva Bolkeisten per ambulanti, Cecchetti: “Regole folli, bene il rinvio”
    Articolo successivoA Bià il 12 gennaio si festeggia il Tricolore