‘Magenta in fiore’ coglie nel segno: manifestazione riuscita

    83

    MAGENTA –  Risultato centrato. Sì, partiamo da qui per raccontare ‘Magenta in Fiore’ l’iniziativa andata in scena questo fine settimana e che ha portato (finalmente) un po’ di vivacità in una città ultimamente, troppo, davvero troppo, assonnata. Peccato per il mal tempo arrivato nel pomeriggio di ieri con abbondanti piogge, ma per il resto la gente è venuta eccome.

    Casa Giacobbe, da sabato mattina si è trasformata in un mercatino di fiori, colori, sapori e spezie con diversi espositori giunti per l’occasione dalla Riviera dei Fiori e non solo.

    Ma anche artigiano e tanto altro. Quindi, i madonnari all’opera all’interno del Santuario dell’Assunta, dove è stata realizzata un’infiorata davvero bellissima, con tanto di omaggio (stupendo) a Santa Gianna Beretta Molla considerata la coincidenza con la festa della mamma. Quindi, nel cortile del Liceo ‘Salvatore Quasimodo‘ la creatività è salita in cattedra. Davvero belle le realizzazioni ispirate a Pinocchio e ai personaggi fiabeschi.  E poi il ‘concorso vetrine’ che ha messo in movimento il mondo del commercio, e di cui vi parleremo a parte in riferimento alla cerimonia di premiazione che si terrà domani sera in Casa Giacobbe e che Ticino Notizie seguirà.

     

    Nel complesso, quindi, siamo dell’idea che l’iniziativa, fortemente voluta dall’allora assessore Alfredo Bellantonio sia riuscita. E crediamo anche che al di là delle problematiche organizzative – che pur possono esserci state nei giorni precedenti l’evento – non sia stato certo questo il motivo del suo ‘defenestramento’.   Beninteso, non abbiamo cambiato idea e non soffriamo di ‘sdoppiamento della personalità’. Bellantonio, resta tutt’ora, criticabile sotto diversi aspetti per quello che ha fatto o non ha fatto in questi mesi, ma nella fattispecie, gli va riconosciuto rispetto a ‘Magenta in fiore’ di aver avuto ragione.

    D’altronde, è la conferma però che per portar gente in città servono i grandi eventi. Non sappiamo se questo si possa tradurre immediatamente in un ritorno economico per gli operatori del mondo del commercio. Ma senz’altro, vedere per un fine settimana una Magenta viva, ci è piaciuto e non poco.

    F.V.

     

    Articolo precedenteDa Bareggio a Cornaredo: il gruppo CAP e la sicurezza dell’acqua
    Articolo successivo“Vetrine in fiore”: domani sera la premiazione in Casa Giacobbe