CronacaNews

Magenta: il ricordo di don Roberto, il prete degli ultimi, che a Pontevecchio celebrò il matrimonio tra Enzo e Francesca

Conosciuto all'interno della sua opera caritativa infinita verso chi non aveva nulla

MAGENTA RICEVIAMO  & PUBBLICHIAMO Era stato a Magenta don Roberto Malgesini. A Pontevecchio, nella chiesa dei santi Carlo e Luigi aveva celebrato il matrimonio di Enzo Salvaggio, consigliere comunale, e di Francesca. Conoscevano da vicino don Roberto, il prete degli ultimi. Lo avevano conosciuto all’interno della sua opera caritativa. In un momento di grande dolore come questo pubblichiamo il pensiero di Enzo, il ricordo di un’amicizia con un uomo che ha vissuto cristianamente la sua esistenza:

Biscotti, the caldo, del cioccolato, tante coperte e vestiti. Si scendeva da casa sua per andare dalle persone che vivevano e ancora vivono in strada. Si andava incontro alle persone che avevano bisogno, ovunque fossero, chiunque fossero.

Dalle scale della sua casa accanto alla Chiesa di San Rocco, quella che oggi incredula con la porta aperta assisteva al dolore di molti, si andava per le strade della città di Como: nel centro, sotto il broletto, sotto i portici, sotto la strada che passa accanto alla Ticosa e nelle tante aree dismesse dove ai margini della città trovavano e trovano ospitalità donne, uomini e famiglie.

Siamo entrati in luoghi dove nessuno si immaginerebbe di trovare ospitalità, posti che nessuno potrebbe pensare di chiamare casa. Don Roberto però li conosceva e anche d’inverno quando l’umidità del lago provocava un freddo davvero pungente, li scaldava con la sua presenza e con il suo sorriso così dolce.

Abbiamo avuto la grazia, in seguito, della sua presenza al nostro matrimonio nella Chiesa di San Carlo e San Luigi a PonteVecchio, ha trovato il tempo per noi, per dire che ci voleva bene ed essere presente per spezzare il Pane con noi in un giorno così importante.

Il suo corpo senza vita è stato portato via questa mattina dopo il terribile assassinio (dopo che aveva finito di trovare già all’alba il modo di essere per l’altro) il Vescovo ha detto che è un Martire della carità certamente ci ha indicato come si può rendere presente nella propria vita Gesù.

A Como certamente farà anche più freddo ma il lascito che è entrato nel cuore di molti e che si chiama Amore ha il compito, anche attraverso di me che scrivo e faccio memoria di trovare una nuova strada e di continuare a scaldare il prossimo.

Enzo 

 

Tag
Vedi Altro

Potrebbe Interessarti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi