Magenta, Il Proust del mese di ottobre con la dott.ssa Laura Balzarotti. A cura di Franca Galeazzi

966

Medico dell’Unità operativa di Chirurgia del ‘Fornaroli’, Referente per la Senologia nel contesto Core Team / Breast Unit. Il suo, uno dei più bei sorrisi del nostro Ospedale!

 

Il tratto principale del suo carattere?
La determinazione

La qualità che preferisce in un uomo?
L’umorismo

E in una donna?
L’eleganza

Il suo principale difetto?
Il perfezionismo, che fa di me una ritardataria cronica …

Il suo sogno di felicità?
Non perdere mai l’entusiasmo

Il suo rimpianto?
Aver dedicato poco tempo a chi ne avrebbe meritato di più.

Il giorno più felice della sua vita?
La felicità è fatta di attimi, quelli che scaldano il cuore…

E il più infelice?
Il giorno che la zia Maria Rosa ci ha lasciati per sempre

 

L’ultima volta che ha pianto?
A Gaza, durante la visita alla Casa d’Accoglienza per bambini gravemente disabili della Parrocchia Sacra Famiglia. Ma mi capita di commuovermi guardando un film, oppure un reportage sugli orrori di questa guerra assurda; per un addio, nel ricordare una persona cara … anche per una medaglia olimpica di Simone Barlaam e compagni.

La sua occupazione preferita?
Viaggiare

Materia scolastica preferita?
Storia dell’Arte

Autori preferiti?
Andrea Camilleri, Oriana Fallaci, ma Fabrizio de André è il primo in classifica!

Libro preferito?
‘L’eleganza del riccio’ di Muriel Barbery

Attore e attrice preferiti?
Richard Gere e Meryl Streep.

Film cult?
‘Il diavolo veste Prada’ di David Frankel.

La canzone che canta sotto la doccia?
Sotto la doccia si provano gli acuti.

Colore preferito?
Il blu

Fiore preferito?
Le fresie e i mughetti.

Città preferita?
Firenze, in Italia (in ballottaggio con Venezia che conosco meno bene); Vienna , in Europa; New York , nel mondo … ma a Magenta sto benissimo!

Personaggio storico più ammirato?
Sua Maestà, la Regina Elisabetta II.

Personaggio politico più detestato?
Ora direi Vladimir Putin, in rappresentanza di tutti i tiranni che l’Umanità ha conosciuto.

Il dono di natura che vorrebbe avere?
La diplomazia (niente, non ci siamo..!).

 

 

Se dovesse cambiare qualcosa del suo fisico, cosa cambierebbe?
Aggiungerei qualche centimetro alla mia altezza.

Stato d’animo attuale?
Curiosa.

Le colpe che le ispirano maggior indulgenza?
Quelle commesse a fin di bene.

Come vorrebbe morire?
In qualsiasi modo, purché succeda in fretta.

Il suo motto?
“Volta il viso verso il sole e le ombre cadranno dietro di te”.

 

 

Franca Galeazzi

 

 

 

Articolo precedenteIgnazio La Russa, il nodo gordiano e l’arco costituzionale- di Emanuele Torreggiani
Articolo successivoTicino Notizie & Milano Pavia TV: cresce ancora il GRUPPO TN