Magenta, il PD duro sulla questione liceo musicale: “Stiamo assistendo al teatrino dell’assurdo”

    80

    MAGENTA – <<Quanto sta accadendo a Magenta per il liceo musicale è l’ennesimo teatrino dell’assurdo della giunta Calati>>.

    E’ questo il pesante affondo con cui si apre il comunicato stampa a firma del PD Magenta sulla questione del liceo musicale. 

    “La sindaca e i suoi assessori prima giocano a nascondino, poi pensano di risolvere la questione partecipando a un evento elettorale della Lega a Marcallo e, infine, fanno scrivere ai consiglieri di maggioranza una lettera in cui “scaricano” la responsabilità al Dirigente scolastico. Ci sarebbe da ridere, se non rischiassero di andarci di mezzo decine di studenti e la credibilità dell’Amministrazione comunale”.

    “In merito alla mancata apertura di una classe del liceo musicale a Magenta, la sindaca Calati vanta un’interlocuzione con la scuola: non è vero, perché la Dirigente scolastica ha più volte espresso una posizione chiara e contraria alla richiesta di deroga.

    La sindaca Calati vanta anche un colloquio con il Ministro: non è vero, perché i due si sono incontrati a una cena elettorale a sostegno della candidatura di Marina Roma. La sindaca Calati vanta di avere messo in campo tutte le energie possibili per salvare il liceo musicale: non è vero, perché nell’ultima lettera firmata dai consiglieri di maggioranza si chiede alla Dirigente scolastica di “mettere in atto tutte le iniziative di cui Lei si possa fare carico” per chiedere una deroga: uno “scaricabarile” per nascondere tutta la propria incapacità”.

    “Lo chiediamo alla sindaca e a tutta la maggioranza: ammettete il fallimento e smettetela di prendere in giro gli studenti, le loro famiglie e tutti i magentini. La nostra Città merita una giunta competente che sappia davvero affrontare e risolvere i problemi” è la chiosa molto dura dei Dem con Paolo Razzano ed Enzo Salvaggio

    Articolo precedenteMagenta e commercio, Porta ancora sulle barricate: “Io il mio mestiere lo so fare eccome”
    Articolo successivoInterventi su patrimonio scolastico, ok da Consiglio Regionale