Magenta, il centrosinistra estrae l’asso di bastoni: Marco Laganà

    203

    Professionista e formatore, con un passato alla Bce, scout, cattolico, padre di famiglia: identikit del perfetto assessore per un ipotetico Invernizzi bis

     

    MAGENTA – Tutti s’appresteranno a negare quanto stiamo per scrivere, perché è prassi, scaramanzia, perché magari non accadrà (può certamente essere), ma Pd e centrosinistra hanno estratto dal cilindro- e palesato nella mattina di sabato 11 febbraio- un autentico fuoriclasse. Si chiama Marco Lagarà, ha 45 anni, adesso vi spieghiamo chi è.

    La sua biografia è quella di un brillante laureato in Economia che ha lavorato per la Bce, facendo poi ritorno in Italia dove ha assunto posizioni di rilievo in seno al gruppo Unicredit. Oggi, come testimonia una sua biografia che pubblichiamo integralmente, è un formatore e (va molto di moda, oggi) un ‘team coach’. E’ anche stato nominato, dal Ministero della Pubblica Istruzione,  nel Cda del fondo pensione Espero, ossia la previdenza che si occupa dei docenti e del personale scolastico.

    Ruoli che l’hanno certamente aiutato a coordinare uno dei tavoli di Magenta Domani. Nei pochi minuti concessigli, Laganà ha mostrato una capacità comunicativa fuori dal comune, doti evidenti di leadership e passione politica (è sposato con la figlia di un medico molto noto a Magenta; la consorte è una docente di Filosofia).

    Laganà ha colpito chi scrive perché è il suo esatto opposto: responsabile, padre di famiglia, cattolico democratico, scout, coscienzioso.

    Scherzi a parte, è fuori dubbio che Marco Invernizzi e Paolo Razzano hanno trovato una persona perfetta per ricoprire un ruolo nella ipotetica giunta Invernizzi bis, a patto ovviamente che l’attuale sindaco venga riconfermato. Di certo, in un contesto nel quale i partiti fanno una terribile fatica nell’attirare forze nuove e soprattutto di talento, uno come Marco Laganà è per Magenta un autentico lusso.

    Vi alleghiamo una sua scheda personale.

    F.P.

    lagana

    Mi chiamo Marco Laganà e sono nato a Milano 45 anni fa. Ho vissuto in Italia per 26 anni, e poi a Francoforte sul Meno in Germania per 9 anni dal 1999 al 2008. Infine sono ritornato a Milano, per la precisione a Magenta, dove risiedo.
     
    MissionCome cittadino Europeo vorrei dare il mio contributo per spiegare l’Europa e promuoverne un cittadinanza solidale e responsabile, a partire dai miei figli, cittadini Europei nati in Germania. Vorrei anche promuovere l’idea di “Costruire la Casa, educando i giovani (..)
    Non potrei  farlo senza l’ Associazione Talenti Cittadini, di cui sono presidente. Con alcuni amici proviamo a portare avanti le Volontariadi dei Talenti Cittadini, giovani che si mettono al servizio delle comunità di riferimento. Il servizio e il volontariato giovanile, sono forme di impegno che fondano una cittadinanza responsabile e solidale.
    Non potrei senza la visione dell’Europa portata avanti dal Movimento Federalista Europeo, fondato da Altiero Spinelli, a cui sono iscritto da più di 20 anni.
    Per motivi professionali, osservo da vicino i passi lenti ma importanti che l’Europa sta facendo in termini istituzionali e legislativi. La mia mente va ai miei 9 anni passati come funzionario dell’unica istituzione federale in EU: la Banca Centrale Europea. Lì ho assistito e provato a dare il mio contributo alla nascita e crescita dell’Euro, ed a ciò che vi sta attorno.
     Il mio impegno di volontariato e servizio va per le attività educative che vedono protagonisti i giovani e ragazzi, futuri cittadini europei. Nel 2013 sono stato coordinatore nazionale per l’Italia dell’Iniziativa per i cittadini Europei“Un’Educazione Europea di qualità elevata per tutti”. Fino a ad Aprile 2015 sono stato nel comitato esecutivo dell’associazione proponente MEET. Dal 2015 sono al servizio in una comunità capi scout, ambiente educativo che ho imparato ad apprezzare molto.
    Da Settembre 2015 sono stato nominato dal Ministero per l’Istruzione, Università e Ricerca, come membro del consiglio d’amministrazione del fondo pensione Espero, al servizio del milione di persone che lavorano nella scuola. Da Luglio 2016 mi sono diplomato Coach con certificato riconosciuto dalla normativa italiana, e con specializzazione Team, Business, Life e Parent Coach.
     
    Attuale professione: Team Coach di 120 persone divise in 10 Team in più di trenta 30 città italiane, per una delle principali istituzioni bancarie europee.
    Articolo precedenteSanremo 2017 dalla nostra inviata sul divano: Emanuela Arcidiacono commenta i risultati finali
    Articolo successivoMagenta, il centrodestra unito nell’omaggio ai martiri delle foibe