Magenta, i nomi su cui punta il centrodestra ‘rinnovato’: la riscossa si tinge di rosa- INSIDE

    85

    Dopo i rumors su Elisabetta Lanticina, che Forza Italia proporrà come candidato sindaco, scopriamo i nomi degli emergenti: Magenta Popolare lancia Peri, Cuciniello e Calati

    MAGENTA – Non solo Lanticina. Nel senso che il centrodestra magentino, seppur faticosamente e lentamente, sta cercando e forse trovando una ‘quadra’ attorno alla squadra da allestire per la non facile corsa alle elezioni comunali di maggio o giugno.

    Detto dell’avvocato 43enne, che Forza Italia proporrà alla coalizione come candidato sindaco, ci sono parecchi movimenti in seno ai partiti, e non poche novità tra i nomi di giovani che potrebbero- in caso di vittoria- ricoprire un ruolo in giunta.

    lanticina

    A partire da Simone Gelli, della Lega, che in caso di candidatura ad un ‘azzurro’ sarebbe il perfetto vicesindaco (ed assessore a Sicurezza e Bilancio) da proporre in ticket con la Lanticina, per una media d’età attorno ai 40 anni.

    Sempre dal Carroccio è pronta Stefania Bonfiglio, il giovane segretario vicino da tempo alle posizioni del Talebano di Fabrizio Fratus e Vincenzo Sofo. Giovani di qualità nella Lega sono anche Luca Aloi e Kevin Bonetti.

    Fratelli d’Italia è pronta lanciare un trio ben assortito: Umberto Maerna, il politico di maggior esperienza e spessore assieme a Luca Del Gobbo  nel centrodestra attivo oggi in  città, e i giovani Lorenzo Garagiola e Massimo Mattia.

    Novità di un certo rilievo arrivano da Magenta Popolare, ossia l’ex Ncd, che Luca Del Gobbo sta rafforzando e implementando. La sua mano è evidente nel rafforzamento, condotto assieme al fedelissimo Fabrizio Busti, di persone come Massimo Peri (dirigente presso la prestigiosa Rold), Mariarosa Cuciniello e soprattutto di Chiara Calati (nella foto sotto), 40enne emergente dall’ importante posizione lavorativa, entrata a pieno ritmo nel team di Magenta Popolare.

    chiaracalati

    Forza Italia ovviamente, oltre alla Lanticina, potrà mettere al tavolo delle trattative persone come Fabrizio Ispano (la cui attività di tecnico attivo e impegnato in città, ovviamente, pone delle evidenti limitazioni ad un ingresso in giunta) o al movimentista Ivan Parmigiani

    Sette, otto, anche  nove nomi da cui potrebbe venire- se ci pensate- la giunta del centrodestra di domani. Prima, ovviamente, c’è una campagna elettorale da fare e vincere.. Particolare tutt’altro che trascurabile.

     

    Articolo precedenteSanità: la telemedicina a servizio dei nostri ospedali è realtà
    Articolo successivoSan Biagio: tre giorni di festa per la città