Magenta, ha (ri)aperto il Baracchino di via Melzi

    132

     

     

    MAGENTA – Lady and Gentleman BARACCHINO IS OPEN !!
    08:00 – 24:00 
    #coffeeandcocktail#nightandday#BARACCHINO

    Conto alla rovescia finito, questa mattina ha alzato la saracinesca ed aperto i battenti il Baracchino, il chiosco-bar di via Melzi- adiacente a via Garibaldi e alla chiesa di San Rocco- che prende il posto della stessa attività condotta per anni dai due giovani che ora lavorano al Dolce Vita di piazza Liberazione.

    Il Baracchino è l’ennesima idea commerciale, nel campo del food & beverage, dell’architetto di Magenta Giovanni Filippini, appassionato ed eclettico amante del mondo bartending che nel 2013 diede vita al Room e, da un anno e mezzo, al Wine Room (sempre in via IV Giugno). In questa nuova impresa, Filippini è sostenuto dall’amico e imprenditore Riccardo Fusè, che ha voluto condividere l’avventura.

    Quello di via Melzi è insomma il terzo tassello del suo ‘mosaico’, concepito come un bar all’aperto dove stuzzicare piatti freddi (poi si vedrà come), potendo attingere da una proposta di drink e bibite di ottimo livello: per gli amanti del Gin Tonic ecco spuntare dalle mensole Hendrick’s e Gin Mare, assieme ad ottime referenze di whisky (Caol Ila, ma non solo), rum e Fever Treee tonica.

    Tavolini tutt’attorno al nucleo centrale, a lato anche un bagno chimico. Sulla sua pagina Facebook (Baracchino Magenta) il locale ha impiegato foto vintage ed in bianco e nero, attingendo dal campionario di memorabilia cinematografiche (Marcello Mastroianni e Sofia Loren) e ad eccentrici scatti sempre B/N.

    Considerando l’attenzione e la predilezione di Filippini per il bartending di qualità, il Baracchino può considerarsi certamente un’ottima novità per il mondo magentino del commercio.

    In bocca al lupo, a noi di Ticino Notizie le saracinesche che s’alzano piacciono sempre.

    F.P.

     

     

    Articolo precedenteElezioni: nell’est Ticino (e in Lombardia) 5 Stelle come l’Acireale, ancora una volta #zerotituli
    Articolo successivoGiro d’Italia Under 23, il robecchese Matteo Moschetti terzo in classifica