Magenta: giovedì 8 luglio, in piazza Liberazione alle 21, omaggio della città ai volontari di Protezione Civile

    57

     

    MAGENTA “Un lavoro fondamentale perché si potesse affrontare questa sfida uniti e senza lasciare nessuno solo. Un impegno svolto con coraggio in un momento drammatico per l’intero Paese. Per tutto questo non può che esserci una grandissima riconoscenza e gratitudine nei confronti di tutti i volontari”, ha detto il primo cittadino Giovedì 8 luglio, alle ore 21, in piazza Liberazione il Sindaco di Magenta, Chiara Calati, porterà il ringraziamento di tutta la Città ai volontari che durante la fase più dura dell’emergenza Covid-19 si sono messi a disposizione e hanno svolto attività di volontariato a sostegno di tutta la popolazione.

     

    La cerimonia si svolgerà nel rispetto delle normative anti-Covid: in piazza Liberazione sarà delimitata un’area dove potranno prendere posto a sedere esclusivamente le Autorità e i volontari che riceveranno il riconoscimento da parte dell’Amministrazione comunale come segno di riconoscenza per l’impegno profuso. “Voglio davvero portare i più sinceri ringraziamenti da parte di tutta la Città a tutte le persone che in un momento di grande difficoltà non ci hanno pensato due volte e si sono messe a disposizione per aiutare il Prossimo – ha detto il Sindaco Calati – Anche grazie al loro prezioso aiuto abbiamo sostenuto e implementato servizi dedicati ai cittadini più colpiti o che più si sono trovati in difficoltà, solo per ricordarne alcuni: la consegna dei farmaci e della spesa, il disbrigo di piccole commissioni, ma anche la distribuzione delle mascherine a tutti i residenti. Un lavoro davvero enorme e fondamentale perché si potesse affrontare questa sfida uniti e senza lasciare nessuno solo. Un impegno svolto con coraggio in un momento drammatico per l’intero Paese. Per tutto questo non può che esserci una grandissima riconoscenza e gratitudine nei confronti di tutti i volontari. Grazie”. In caso di maltempo la cerimonia sarà rinviata a data da destinarsi

    Articolo precedenteAbbiategrasso e fanghi tossici: il caso sollevato (anche) da Domenico Finiguerra in Consiglio comunale
    Articolo successivoSaffa e Reno De Medici: da Pontenuovo di Magenta agli americani, storia di un’azienda da 679 milioni di euro