Magenta: Gelli (Lega): “Parole di Salvaggio su di me sono un nefandezza assoluta”

    98

    RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO –   <<Ho letto con assoluto stupore le parole del capogruppo Pd Enzo Salvaggio che oggi, in merito alla vicenda dello spostamento della scuola dell’Infanzia Fornaroli, mi definisce come ubriaco rispetto allo scenario nazionale ed ai risultati che la Lega sta ottenendo. Non commento simili dichiarazioni perché le ritengo il frutto di una tensione dovuta alla mancanza di poltrone all’interno della struttura ormai pericolante del Pd. Faccio rispettosamente però notare che dare dell’ubriaco ad un avversario politico, aggiungendo che il sottoscritto pensa di poter fare ciò che vuole, certo non eleva la statura della discussione politica né tanto meno, riesce a far capire bene ai nostri cittadini quali siano state le nostre scelte.

    Mi preme invece sottolineare alcuni temi che oggi il capogruppo pone innanzi all’opinione pubblica perché credo siano assai curiosi:

    • il capogruppo Dem, si dice preoccupato per l’aspetto economico legato all’Associazione Scuole Paritarie. Mi chiedo chi stia prendendo in giro. Sarà per questo che nella giunta in cui siedeva con a capo il Sindaco Invernizzi, si decideva di tagliare di 60.000 Euro la convenzione con gli stessi istituti di cui oggi ci si preoccupa? Dov’era l’allora assessore Salvaggio? Che fosse in ferie mentre venivano assunte tali decisioni? Oppure era contrario? E se così fosse perché non lo ha mai palesato? Oppure devo pensare che, come accaduto per la discussa norma introdotta sul pagamento dei servizi a domanda individuale sulle scuole sempre dalla passata giunta, nemmeno se ne era accorto, tanto da annunciare pubblicamente su un social network, di presentare una interrogazione; il punto era a chi? Alla sua stessa giunta? Mi chiedo chi fosse o sia ubriaco veramente!
    • Il Capogruppo poi, leggo, essere preoccupato per il cronoprogramma dei lavori: il nostro ufficio tecnico, non è composto da sprovveduti, dovrebbe saperlo l’ex assessore proprio al settore tecnico. Come anticipato ieri esiste una scaletta ben precisa, sulla quale tutti stanno lavorando su quel tavolo interassessorile da noi costituito e che vede impegnati i settori Scuola e appunto Lavori Pubblici. L’anno passato, il giorno dopo essere insediati abbiamo dovuto affrontare due emergenze in due plessi scolastici su cui la passata amministrazione nemmeno aveva preventivato le coperture economiche. Anche allora come oggi, assistemmo alle solite polemiche con il risultato che, come scritto nel cronoprogramma, chiudemmo i cantieri nei tempi prefissati.

    Io saro’ anche ubriaco, ma, su un edificio storico, patrimonio della nostra comunità, come ricordava il capogruppo Dem, in cinque anni di Amministrazione Invernizzi, quanto è stato investito dall’allora assessore, considerato che la struttura risale ai primi del ‘900? Ve lo dico io,14,745 Euro. E poi ci si stupisce se il sottoscritto e questa amministrazione prende a cuore il problema di un edifico storico adibito a scuola e apre un percorso condiviso con l’ente proprietario per verificare lo stato dell’edificio nella sua interezza. Rivendico invece il coraggio della nostra amministrazione di aver aperto un tavolo di confronto su una struttura ormai vetusta che deve però essere ancora patrimonio della nostra città.

    Altri hanno latitato sulla questione, vedasi l’ex Assessore Salvaggio, molto più bravo nelle offensive quanto roboanti dichiarazioni che nell’agire, noi, di contro, preferiamo la cultura del fare. Francamente ci dà più soddisfazioni. Per tutto il resto, credo che il Consigliere Salvaggio, possa stare sereno. Nessun rischio per la città! Noi pensiamo ai magentini, lui pensi alle magliette rosse, ai migranti e al suo dilaniato partito. Scoprirà di avere molto, tanto lavoro! >>.

     

    Simone Gelli, Vice Sindaco Comune di Magenta

     

    Articolo precedenteMagenta, la comunita’ islamica incontra l’amministrazione: “Vogliamo un posto per pregare” (VIDEO)
    Articolo successivoPensieri Talebani- La bufala del debito latinoamericano (e italiano..)