Magenta: Gelli (Lega): “Aree Saffa e Novaceta. Alla fine della campagna elettorale, non conosciamo ancora nessun dettaglio di nessuna delle due operazioni”

    52

    Il più votato del Carroccio magentino incalza: “Sappiamo solo che un neofita della politica, seguirà la complessità di una delle due operazioni”.

     

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – “Il Pd deve essere davvero disperato se in pochi minuti di conferenza stampa, di fatto, boccia l’operato del Vice Sindaco Paolo Razzano, candidato che ha perso al primo turno più di 100 preferenze rispetto al 2012, cerca un restyling all’interno della giunta, nominando Salvaggio Vice Sindaco, e nominando Tunesi, quale nuovo assessore alla partita sull’Area Saffa. Sono sicuro che questo gesto, goffo quanto disperato, sia l’ultima cartuccia che Invernizzi spara a tempo scaduto, per cercare spasmodicamente di recuperare consensi. Sono sicuro però che i magentini non si faranno abbindolare da una compagine amministrativa che in questa campagna elettorale, sulle due aree strategiche, non ha saputo svelare dettagli molto importanti all’opinione pubblica, tanto da poter prendere una chiara posizione.
    Mancano infatti i piani industriali, mancano i nomi dei veri investitori, mancano le cifre degli investimenti veri e propri, manca una visione di insieme, per quanto riguarda l’area Saffa con il Comune Boffalora.
    Noi della Lega siamo contrari a che la logistica possa arrivare fino al cuore della nostra città, come previsto sull’area Novaceta, ove non conosciamo nemmeno chi sarà l’operatore economico che dovrebbe arrivare ad impiantare la propria azienda.
    Non ci piace il fatto che Tir ed articolati, possano arrivare a lambire il nostro centro storico, oltre che creare ancor più problemi al quartiere nord. Non ci piace che questo progetto nasca senza una visione complessiva con gli enti superiori, circa le reali possibilità di sviluppo che si potrebbero creare per la nostra città.
    Per quanto riguarda invece l’area Saffa, riteniamo preoccupante che tale partita venga, da oggi, affidata ad una persona che non conosca quanto fino ad ora fatto. Per noi rimane prioritario trovare un accordo con il Comune di Boffalora perchè sia realizzata la Variante di Pontenuovo! Non si può, a nostro giudizio, infatti, realizzare un piano faraonico che andrà ad impattare ancora una volta sulla frazione, senza che ci non si capisca come verrà modificata la viabilità. Quanto poi all’occupazione, i 2500 posti di lavoro prospettati dalla giunta Invernizzi sono chiaramente un mega spot a carattere elettorale a cui, credo, in pochi possano pensare solo minimamente realizzabile. Vogliamo trasparenza e concretezza, poiché siamo convinti che su questi temi non si possa scherzare. Mi rivolgo infine a tutti i magentini, affinchè non credano minimamente alle ultime manovre del Pd Magentino. Sono una vera e propria polpetta avvelenata a poche ore dal voto. Domenica, cambiamo Magenta; riportiamo la nostra città ad essere grande ma con i piedi ben saldi per terra!”

    Articolo precedenteI ‘Folletti’, il ballottaggio, Finiguerra e le ‘questioni fondamentali’
    Articolo successivoSan Giorgio su Legnano: ‘Quelli del 37’ hanno festeggiato gli 80anni