Magenta, gelati & leccornie nel Natale di Rosso Cappuccetto. E a gennaio 2020.. SI CAMBIA!

    114

     

     

    MAGENTA – Col Natale e il Capodanno alle porte, cosa c’è di meglio di un dolce leccornioso che unisca gli ingredienti della tradizione al gelato? Se poi è quello ‘d’autore’ di Thomas e Stefano Lavazza, del Cappuccetto Rosso di via Roma a Magenta, il paragone con i tanti altri dolci che adornano la tavola di festa diventa impietoso..

    Rosso Cappuccetto (via Roma 74, numero di telefono 02 3654 4669, consegne anche a domicilio) ha elaborato per il Natale 2019 una autentica squisitezza: un panettone ripieno di gelato o semifreddo a scelta del  cliente, che si può ‘preparare’ anche nella versione pandoro.

    Entrambi possono essere decorati o semplicemente da forno. La foto che riportiamo rende appieno l’idea di quanto sia buono..

    Oltre a panettoni e pandori ‘ripieni’ di gelato sono naturalmente a disposizione degli ormai tantissimi clienti di Thomas e Stefano i gusti tradizionali e di grande successo, dalle cheesecake al pistacchio alle creme di cioccolato (materia prima utilizzata è quella di Domori: qualità senza compromessi), ovviamente anche i gusti di frutta.

    E se il 2019 è stato un altro anno di grandi successi per Rosso Cappuccetto, quello che si profila (il 2020) sarà invece di GRANDI cambiamenti. Possiamo solo anticiparvi che, sin da gennaio, la gelateria magentina che ha fatto dell’innovazione il suo tratto distintivo (raccogliendo un enorme successo di ‘pubblico e critica’, come si suol dire) assumerà un volto nuovo. Anzi, nuovissimo.. Abbiamo stimolato la vostra curiosità? Ancora poche settimane, e ne vedrete delle belle. Anzi, bellissime..

    Ma state certi che, in mezzo a tanti cambiamenti, il gelato di Rosso Cappuccetto rimarrà quello di sempre. Un gelato da favola..

     

    Articolo precedenteBusto Garolfo, presente e futuro dell’Azienda Farmaceutica Municipalizzata
    Articolo successivoAbbiategrasso, arrestato con un chilo e mezzo e di marijuana. Le analisi lo scagionano: “Principio attivo basso, non fa male”