Magenta Forum Giovani: il punto della situazione

    151

    Ieri sera in Consiglio comunale “l’interpellanza- assist”  del dem Tiziano Tomassini per consentire all’assessore Bastianello di  tracciare un bilancio su questa esperienza aggregativa

    MAGENTA  – Accanto al caso della Vincenziana e della gestione dei profughi, nel consiglio comunale di mercoledì sera erano in agenda molte altre interpellanze a firme Lega Nord.  Inoltre, vi era quella sul Forum Giovani presentata dal consigliere del Pd  Tiziano Tomassini che ha permesso all’assessore delegato  Marzia Bastianello di tracciare un bilancio su questa esperienza avviata da un paio d’anni a questa parte e, contestualmente, rispedire al mittente le accuse di un forum molto politicizzato. Non a caso, in sala consiliare tra il pubblico era presente anche Luca Rondena , presidente del Forum Giovani.

    “Questo – ha esordito la Bastianello – non è un gruppo costola di un partito come qualcuno inizialmente ha sostenuto in malafede. Viceversa, si tratta di una bellissima esperienza aggregativa che in questi mesi ha costruito molto insieme ad altre associazioni cittadine”.

    A questo proposito, la Bastianello ha ricordato le oltre 40 iniziative organizzate e in particolar modo il ‘Summer Festival’. «Dove – ha aggiunto l’assessore – il Forum si è trovato  a dialogare con altre realtà giovanili per il bene di Magenta».

    Quindi, l’esponente della Giunta di Marco Invernizzi  ha rimarcato l’impegno del Forum accanto ad altri soggetti per garantire l’estensione nell’apertura dell’aula studio della biblioteca al di fuori degli orari abituali. Infine, i tre progetti inseriti nel piano per il diritto allo studio approvato nello scorso settembre. «E’ un esempio tangibile di piena coesione tra le realtà giovanili presenti sul nostro territorio. Un testimone che  vogliamo lasciare all’Amministrazione che verrà dopo la nostra. Un’eredità preziosa comunque la si guardi».

    F.V.


    MARZIA

    Articolo precedenteQuisifabbrica, l’Altomilanese resta zona ad alta vocazione industriale
    Articolo successivoUomini e mezzi del Parco del Ticino in aiuto ai terremotati del Centro Italia