CronacaNews

Magenta, emergenza ludopatia: a rischio migliaia di persone

MAGENTA – “Quello della ludopatia è un problema sociale che riguarda migliaia di disperati. Occorre arginare al più presto questo fenomeno che coinvolge anche tante persone di questo territorio”. Tino Viglio, capogruppo di Forza Italia (nella foto il secondo da sinistra), ha presentato, ieri sera, in Consiglio comunale la mozione dedicata al tema della ludopatia. Purtroppo, il gioco d’azzardo – le classiche ‘macchinette’ che ormai si ritrovano in molti bar – stanno provocando molte vittime anche da queste parti. “Numerosi cittadini – ha osservato Viglio – che si giocano l’indennità di disoccupazione completa”. Dall’esponente di Forza Italia, quindi, l’invito “a stringere il cerchio” per quanto riguarda i controlli a livello di Polizia Locale e di normativa che si possono mettere in atto rispetto alle attività commerciali che ospitano aree dedicate al gioco d’azzardo.

Sull’argomento ha preso la parola l’Assessore ai Servizi Sociali Simone Lonati (qui sotto il primo da sinistra) che ha posto l’accento su quanto sta facendo la Giunta soprattutto a livello di Piani di zona. “Il gioco patologico è un fenomeno che provoca grossa depressione ma anche ricadute economiche pesanti – ha premesso Lonati – in Lombardia anche grazie alla legge quadro n.8 del 2013 abbiamo gli strumenti da cui partire per contrastare efficacemente questa situazione”.  “Detto questo – ha aggiunto – partiamo dai numeri che ci dicono che nell’ambito Magentino -Castanese c’è una popolazione a rischio ludopatia compresa tra i 1.900 elementi e i 5.700″.

Quindi, l’esponente dell’esecutivo cittadino si è soffermato sugli elementi caratterizzanti del progetto portato avanti a livello territoriale. Mappatura del territorio, formazione con personale specializzato all’interno delle scuole e dei centri anziani, coinvolgimento del medico di famiglia che ha relazioni dirette soprattutto con la popolazione ‘over 65’ e una politica di premialità in termini di sgravi fiscali rispetto alle attività commerciali che hanno scelto la strada del ‘no slot’. Queste i principali elementi di questo intervento su area vasta su cui scommette molto anche la nostra Amministrazione. E’ giusto – ha concluso Lonati – sostenere quegli esercenti che hanno deciso di non mettere macchinette all’interno delle loro attività. E’ una scelta scomoda, perché a molti questi soldi, anche complice la crisi, fanno comodo per pagare l’affitto e le utenze. E’ giusto allora andargli incontro”.

F.V.viglio2lonati2

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi