Magenta e Mesero pronte a festeggiare il centenario dalla nascita di Santa Gianna, presentati gli eventi (VIDEO)

370

MAGENTA Magenta e Mesero sono pronte per festeggiare i cent’anni dalla nascita di Santa Gianna Beretta Molla. Agli eventi della Comunità Pastorale, sotto la guida dell’Arcidiocesi di Milano, si aggiungono quelli organizzati dai Comuni di Magenta e di Mesero presenti questa mattina in conferenza stampa con i Sindaci Luca Del Gobbo e Davide Garavaglia, insieme al parroco don Giuseppe Marinoni.

La Santa della porta accanto, come è soprannominata Santa Gianna. Nata in via Roma rappresenta un vero esempio di vita per tutti. Per la comunità cristiana e non solo. “Siamo alla seconda tappa di questo cammino – ha detto don Giuseppe – dopo l’invito e l’apertura della Porta Santa siamo arrivati alla festa. Cos’è la festa? Come disse la volpe al piccolo principe è un giorno diverso dagli altri. Il 4 ottobre sarà il giorno in cui ricorderemo la sua nascita. Ma ricorderemo anche l’11 ottobre, il giorno del suo battesimo”.

Durante le celebrazioni eucaristiche del primo e due ottobre nelle chiese non si ricorderà solo Santa Gianna, ma si presenterà la santità come dono di Dio. Saranno quattro i momenti fi festa che partiranno il primo ottobre con la festa del centenario a Mesero. Martedì 4 ottobre alle 21 nella basilica di San Martino ci sarà lo Stabat Mater, venerdì 7 ottobre alle 21 al Cinemateatronuovo ‘La santa innamorata’ interpretata dall’attrice Lucilla Giagnoni e sabato 8 ottobre alle 10 al Centro Paolo VI si terrà poi una mattinata di approfondimento. Un convegno al quale prenderanno parte due teologi che hanno studiato la figura di Santa Gianna.

Il Sindaco di Mesero Garavaglia ha parlato dell’evento del primo ottobre: “Una sera di festa che vedrà esibirsi il coro delle voci bianche del teatro alla Scala di Milano con pianoforte ed archi. La proporremo in piazza con un impegno notevole, ma che abbiamo fortemente voluto”.

Luca Del Gobbo ha aggiunto: “Questo centenario ha dimostrato che la collaborazione tra le istituzioni è ottima e sempre con il coordinamento della parrocchia. Come Magenta ci siamo concentrati sul 4 ottobre quando proporremo un concerto in basilica, lo Stabat Mater di Giacomo Rossini. Centoventi coristi e 50 orchestrali per questo importante appuntamento. Sottolineo un aspetto. Santa Gianna ha tre significati. Era una mamma e questo ci dice che possiamo costruire il bene comune facendo i genitori, era un medico e questo ci dice che il bene comune si può fare facendo bene il proprio lavoro. Terzo. Santa Gianna ha fatto nascere l’Azione Cattolica, dimostrando quindi un grande impegno nel sociale”. Infine una proposta da Garavaglia, Sindaco di Mesero: “Omaggiare la sala parto dell’ospedale di Magenta dove c’è un suo quadro, con una corona di alloro. Lo faremo insieme il 4 ottobre”.

 

Articolo precedenteArona: idrovia e mobilità. Tutto pronto per la presentazione dei Progetti Interreg
Articolo successivoElette Laura Ravetto (Camera) e Isabella Rauti (Senato)