Magenta, è il giorno di Totem: stasera tutti in villa Naj Oleari

    110

     

     

    MAGENTA – L’attesa è finita. Questa sera scatta la tre giorni ideata da Amministrazione e svariate associazioni e realtà cittadine per festeggiare i primi 20 anni di Totem-La Tribù delle Arti.

    Da oggi  al 23 giugno, la notte più lunga dell’anno al parco di Villa Naj Oleari durerà tre giorni.

    I visitatori potranno trovare ristoro con panini e piadine, la pizza campione di Pasquale Moro, la birra del Chiringuito dei Ragazzi di Magenta , il gelato di Rosso Cappuccetto e altro ancora.
    Potrete fare una Rotarbike con picnic nel parco a cura di Rotarct dare una mano ai ragazzi dell’Associazione La Quercia
    Vedere le stelle con l’astronomo Federico Manzini, partecipare a un Photocontest e pernottare un’intera notte nel parco con tenda e sacco a pelo .
    All’intrattenimento penseranno ovviamente gli animatori e musicisti di Totem..
    Animazioni teatrali con Dedalus, I Cariotipi, Ciridì, Gli Attaccabrighe e la Tribù degli Zoccoli.
    Musica live e Maratona Musicale con CFC, TeenOver, Bigbubbles, Bikut Zii, tutti i musicisti Totem e tanti amici.

    L’apertura ufficiale del Festival sarà appunto oggi, giovedì 21 giugno alle 21, con la proiezione del Videostory ‘Totem20anni’, seguito dal concerto dell’Orchestra Giovanile Totem “Mozart sotto le stelle” (con degli ospiti speciali..) e dall’avvio del Music Marathon Photo Contest, concorso fotografico a tema musicale che proseguirà per i tre giorni della manifestazione organizzato in collaborazione con l’associazione Foto In Fuga.

    E domani (ma ve ne parleremo a tempo debito) un’altra grande serata. Ma per adesso l’appuntamento da segnare col circoletto rosso è quello di stasera: vietato mancare, peraltro in uno dei parchi più belli e meno sfruttati di Magenta, quello di villa Naj Oleari.

    Articolo precedenteTanti auguri di buon compleanno a Gigi Alemani da TN
    Articolo successivoBareggio verso il ballottaggio: stasera evento di Ermes Garavaglia, domani tocca a Linda Colombo