Magenta: don Giuseppe, Pierrettori, Viglio, Razzano e Peri. Chi c’era alla Festa del Sacrificio

    87

     

     

    MAGENTA – Non c’erano soltanto fedeli islamici alla cerimonia di questa mattina in via Crivelli.

    Diverse altre personalità cittadine hanno voluto esserci, per e con significati diversi.

    La più rilevante è stata senza dubbio quella del parroco don Giuseppe Marinoni, che ha portato il suo saluto alla comunità mussulmana.

    Al suo fianco, seduto a ridosso dell’area in cui si è svolta la preghiera, il presidente della Pro Loco Pietro Pierrettori, l’ingegner Tino Viglio- la cui dichiarazione di sicurezza ha consentito lo svolgimento della cerimonia- e Massimo Peri, consigliere comunale di Noi con l’Italia.

    Altri politici hanno voluto esserci, dal dirigente del Pd Paolo Razzano al segretario cittadino Luca Rondena, a Mariarosa Cuciniello e Lara Cuzzocrea, c’era anche l’esponente magentino dei 5 Stelle Roberto Bertani.

    Nessun altro esponente di centrodestra ha partecipato, come peraltro pare abbia raccomandato il sindaco Calati.

    Presenze significanti, e assenze altrettanto. Non c’erano telecamere o network nazionali, da Milano sono arrivati due giornalisti del quotidiano Libero.

     

    Articolo precedenteMagenta, in 150 per la festa del Sacrificio. La celebrazione tuttora in corso
    Articolo successivoGiornata storica per Magenta, islamici in festa in via Crivelli: “Pronti per un cammino di Pace insieme” (VIDEO)