“Magenta Domani” Invernizzi: “Siamo una città da Champions League”

    79

     MAGENTA – “Magenta Domani” è partita. Questa mattina in Casa Giacobbe oltre 120
    persone al lavoro nei 4 tavoli.  Carico e appassionato il discorso del sindaco Marco Invernizzi su  “Che cos’è una città?”  che ha concluso la mattinata di lavori.

    E’ stata certamente una prova muscolare per Invernizzi e la sua compagine. Nessun simbolo di partito, ma solo il logo di Magenta Domani a significare come l’obiettivo fosse l’inclusione e l’allargamento il più possibile dei partecipanti.

    Palpabile la soddisfazione alla luce dei numerosi partecipanti, molti giovani, molte facce obiettivamente fuori dal solito coro degli ‘addetti ai lavori’.  Accanto al Sindaco, tutta la Giunta con il segretario dei dem Fabio Longo, ma anche il Forum Giovani e tante altre realtà cittadine. Tra le prossime tappe la presentazione del ‘Bilancio di Mandato’ – ovvero il lavoro e gli obiettivi raggiunti da Invernizzi e i suoi in questo quinquennio – il prossimo 11 marzo.  La mattinata dal taglio molto operativo Città Vivibile, Città Facile, Città Amica e Città Domani.  Quattro tavoli in cui discutere di ambiente, urbanistica, sicurezza, scuola, sociale, diritti, semplificazione, trasparenza, commercio, lavoro, cultura e giovani. Invernizzi tracciando le conclusioni ha invitato a mettere in evidenza i valori e gli ideali di una comunità. “Sono questi che fanno la differenza e senza i quali non si potrebbe andare avanti. Abbiamo oltre 200 associazioni che ci hanno appoggiato e offerto un contributo fondamentale in questi cinque anni. Magenta in questo senso è una città che merita di giocare in Champions League volendo fare un paragone calcistico e noi stiamo cercando di porre tutte le condizioni perchè ciò sia possibile”.

    F.V.invernizzimag

    Articolo precedenteFestival di Sanremo 2017, dalla nostra specialissima inviata.. sul divano, Emanuela Arcidiacono
    Articolo successivoMagenta Domani, Invernizzi e Razzano calano un asso da 100 (partecipanti) e fanno come… Marine Le Pen