CronacaNews

Magenta: da ‘Non di solo pane’ alla San Vincenzo, l’emergenza non ferma la solidarietà. Aumentano le persone che chiedono aiuto

Parla Gabriella Cellamare, presidente della San Vincenzo

MAGENTA –  Un fenomeno allarmante sta emergendo in queste ultime settimane. Sono già in aumento le persone in grande difficoltà. Donne e uomini, famiglie che stanno cominciando a chiedere aiuto perché sono rimaste a casa dal lavoro. Dalla collaboratrice domestica, al muratore a tanti altri. Per loro la domanda è una sola: cosa mangiamo oggi? Gabriella Cellamare (foto sotto) è la presidente della San Vincenzo e ci spiega come si stia rivelando fondamentale la rete della solidarietà che in questi giorni di emergenza coinvolge non solo il Comune, ma anche e soprattutto i sacerdoti della città e le associazioni che si occupano di persone in difficoltà.

Questa mattina mi trovavo in via Cadorna per la consegna del pane che ci viene donato dal Pisoni – spiega – prepariamo dei sacchetti e li consegniamo grazie ad una liberatoria che ci permette di farlo nella città di Magenta. Mentre ero impegnata in questa attività sono stata catturata dalla bellissima musica classica che risuonava per le vie del quartiere. Don Davide ha avuto la bellissima idea di allietare in questo modo il risveglio mattutino dei cittadini. Un modo per rendere allegre le giornate quando è difficile che si possano definire allegre”. Don Giuseppe il parroco, don Davide, don Maurizio, don Emiliano sono i sacerdoti impegnati nel far fronte ai bisogni della gente. Che, come abbiamo detto e come pensavamo, stanno decisamente aumentando. “Alcuni – continua Cellamare – si rivolgono al Comune ricevendo la risposta di consultare il sito internet per avere ragguagli ai servizi offerti. Ma non tutti sono in grado di farlo. Magari ci dovremo attivare anche in questo senso, ovvero fornire aiuto anche per consultare il sito internet”.

Se c’è una cosa che sta emergendo di positivo nel periodo dell’emergenza è la solidarietà. ‘Non di solo pane’ è sempre attiva con il refettorio dove i volontari, alle 17, sono già pronti a consegnare il sacchetto per ogni componente di una famiglia. Sacchetto sufficiente per due pasti. “Solo ieri hanno consegnato 60 sacchetti”, riferisce la presidente della San Vincenzo. Che lancia un appello a tutti. “Spesso non è necessario far parte di associazioni di volontariatobasta uno sguardo per capire se una persona è in difficoltà. Osserviamo i nostri vicini di casa. Controlliamo se hanno necessità di qualcosa. Se i bisogni sono tanti segnalatelo alle associazioni, piuttosto che al Comune o ai sacerdoti. Se si tratta di piccole cose possiamo intervenire noi. Ricordiamo che soltanto stando uniti possiamo far fronte all’emergenza”.

Tag
Vedi Altro

Potrebbe Interessarti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi