Magenta/Corbetta, Gelli vs Ballarini sulla sicurezza in ospedale. E scatta il meme (riuscitissimo)

    191

     

    MAGENTA CORBETTA  Il caso sicurezza all’interno dell’ospedale Fornaroli, riemerso nei giorni passati con un servizio del nostro Graziano Masperi su fatti accaduti nel week end, torna a essere oggetto di scontro lungo l’asse Magenta-Corbetta.

    Ecco percià che dalla sua pagina Facebook il vicesindaco Simone Gelli si toglie qualche pietra della scarpa, intinge la penna nel curaro e si rivolge a Marco Ballarini.

    Mi fa piacere leggere che dopo gli spiacevoli fatti occorsi presso l’ospedale Fornaroli, ci si stracci le vesti e si offra collaborazione. Peccato che qualche tempo fa, avessi posto già la questione in una riunione del patto locale, sostenendo che l’ospedale Fornaroli, pur essendo in territorio di Magenta, è per sua natura, patrimonio di tutti. Ahime’ quella idea non ebbe alcun seguito. Posto che la sicurezza interna ai reparti del nostro ospedale non può essere assicurata dalla presenza delle forze dell’ordine per ovvi motivi e che anche in questo caso, avevo suggerito l’ingaggio di una azienda di vigilanza privata, sopratutto nelle ore serali, mi fa piacere oggi, dico meglio tardi che mai, che si offra collaborazione. Personalmente, invece che cercare il solito post intriso di campagna elettorale, avrei alzato immediatamente il telefono, avrei chiamato il Sindaco di Magenta o l’assessore alla sicurezza e avrei comunicato la disponibilità eventuale di agenti e mezzi. Bene, mi aspetto di ricevere dal Sindaco Ballarini una telefonata in tal senso nelle prossime ore. La Polizia Locale di Magenta, contribuisce durante le ore mattutine al presidio del nostro nosocomio, se la Polizia Locale di Corbetta o di altre realtà volessero contribuire, recependo quella mia proposta di qualche tempo fa, è assolutamente ben accetta sul nostro territorio proprio nell’ottica di assolvere ad una delle missioni più importanti del Patto Locale, ovvero l’assistenza e l’aiuto reciproco. Spero però che non sia solo campagna elettorale. Spero che ad un video, seguano atti formali. Attendo.

    Così si esprime Gelli nella giornata di lunedì 10 maggio. Passano 24 ore e, non avendo ricevuto alcuna risposta, l’esponente leghista riprende sempre su Facebook il tema:  Dopo un giorno di attesa, la famosa telefonata non mi risulta di averla ricevuta. Come presupponevo, era soltanto campagna elettorale. Andiamo avanti perché abbiamo molto da fare e poco da chiacchierare sul fronte sicurezza. Spero di non dover più assistere a boutade simili. Le denunce servono se seguono i fatti. I video sono belli e ben architettati, quanto alle azioni camminiamo nel deserto dei Tartari. Buona campagna elettorale amici di Corbetta.

    Sempre sull’asse Magenta-Corbetta ecco spuntare, su Sei di Corbetta Se, un efficace e divernetissimo ‘meme’ elaborato dai buontemponi Massimo Giannini (da sx) e Alessio Bosani (a dx), che piazzano Gelli e Ballarini sul ring. Peraltro, con addominali e pettorali da fare invidia..

     

    Articolo precedenteAbbiategrasso/Giro, la Maglia Rosa di Filippo Ganna ‘is in the house’
    Articolo successivoMagenta-Corbetta, riposto il fioretto adesso Del Gobbo va di spada (contro Ballarini)