NewsPolitica

Magenta, Consiglio comunale: Petrone difende la sua carica, Viglio nega gli screzi con Maria Rosa Cuciniello

 Presidente dell’assise e consigliere Pdl contro certe ricostruzioni giornalistiche

MAGENTA – Prima di entrare nel vivo del dibattito sul bilancio previsionale e gli altri argomenti, il presidente del Consaiglio comunale- Sergio Petrone-  ha preso la parola per difendersi da alcuni articoli apparsi sulla stampa.

“Qualcuno ha messo in discussione l’indennità di carica che il sottoscritto percepisce pro tempo. Ebbene, rivendico il diritto alla retribuzione di cariche che sono elettive, perché il sottoscritto è stato eletto dall’aula e non affatto nominato.  I compiti di un Presidente di Consiglio- qual è il sottoscritto- vanno ben oltre la conduzione dei lavori in aula, che pure è la massima assise. Ci sono doveri di rappresentanza istituzionale, di presenza, di dibattito, di confronto con le forze politiche e coi cittadini. Quindi è giusto che le cariche istituzionali siano retribuite, perché vorrei precisare che nessuno di noi si arricchisce, anzi sottrae tempo agli affetti famigliari ed alla professione.

 “Qualcuno ha  persino scritto che il Pd mi avrebbe chiesto di rinunciare all’indennità: nego nel  modo più assoluto questo fatto, aggiungendo che tutto è lecito, ma non la calunnia o la diffusione di notizie false”, ha concluso un piccato Petrone. Il quale ha precisato peraltro di non essere neppure iscritto al Partito Democratico.

All’attacco contro certe ricostruzioni giornalistiche è andato anche Tino Viglio, del Pdl: ‘Un giornale ha parlato di screzi e di violente frizioni tra il sottoscritto e Maria Rosa Cuciniello: è del tutto falso, la notizia non risponde al vero’.

La stessa Cuciniello, presente in sala tra il pubblico e da noi interpellata sul’argomento, ha negato anch’essa di aver avuto un pesante alterco o qualcosa di analogo con Tino Viglio, smentendo così la ricostruzione giornalistica cui accennava l’ex assessore della giunta Del Gobbo.

I lavori del Consiglio sono proseguiti con la trattazione della nuova tassa rifiuti, la Tares.

F.P.

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi