Magenta, Chiara Calati ‘pensiona’ le serate filosofiche: ‘Pensiamo ad altro’

    110

    La ‘strategia’ culturale del sindaco (che è anche assessore alla partita) punta verso altri lidi e il coinvolgimento delle realtà magentine

     

    MAGENTA – C’era da aspettarselo, considerate le critiche rivolte nel recente passato, ma adesso- dopo la presentazione della stagione culturale 2017/18 del Lirico, avvenuta sabato mattina- c’è la piena conferma.

    Considerate le scarse risorse lasciateci a bilancio riusciamo a sostenere queste kermesse facendo scelte precise, tra cui quella di non riproporre più la stagione filosofica sbloccando così una importante cifra che potrà essere investita in qualche altro progetto o appuntamento culturale; l’impegno è quello di valorizzare sempre più questi appuntamenti al Teatro Lirico sin dal primo bilancio totalmente nostro, quello del 2018”.

    Parla ‘chiaro’ il sindaco e assessore alla Cultura: a Magenta non si vedranno più né Massimo Cacciari né gli altri pensatori su cui Marco Invernizzi e il centrosinistra avevano puntato negli anni scorsi.

    Il Sindaco, nel corso della presentazione, ha inoltre voluto evidenziare infine l’attenzione rivolta ai giovani magentini, specie all’interno della Stagione Musicale. “Mi piace sottolineare che, nell’ottica di favorire nuovi percorsi di alternanza scuola-lavoro anche in ambito musicale e artistico, nella stagione musicale 2018 saranno coinvolti i ragazzi del liceo musicale che si esibiranno nell’ultimo concerto”.

    Primo appuntamento con il Magenta Jazz Festival sabato 18 novembre; la Stagione Musicale prenderà avvio sabato 20 gennaio, mentre la Stagione Teatrale avrà un’anteprima interessante qualche giorno prima di Natale con lo spettacolo del duo comico Ale&Franz e prenderà il via ufficialmente giovedì 11 gennaio.

    Sulla cultura, insomma, il centrodestra riparte dalle risorse della città. In attesa di capire cosa elaborare, in termini di programma ed idee, per i prossimi anni.

    Articolo precedenteTramonto spettacolare per ‘nubi lentacolari’: Mazzoleni spiega perché. ‘Replica’ mercoledì 1 novembre
    Articolo successivoA Cameri- due passi dall’Est Ticino- decolla il primo F-35. Ma senza nessun annuncio..