Magenta, centrodestra in piazza aspettando Godot (però compare Ballarini)

    328

    Le forze politiche moderate ieri in centro per lanciare l’evento del 10 marzo. Tensioni sul candidato sindaco, Elisabetta Lanticina ancora in corsa. Qualche frizione tra i partiti, ancora indecisi su nomi e strategia

     

    MAGENTA – Doveva piovere ed invece c’era il sole, ieri mattina in piazza Liberazione, dove i 4 partiti di centrodestra (Lega, Fi, Fdi e Magenta Popolare) si sono presentati coi loro 4 gazebi per lanciare gli stati generali di venerdì 10 marzo (ore 21 in sala consiliare).

     

    Si è formato anzitutto, in questi mesi, un folto gruppo di ragazze e di donne, primo segno di rinnovamento concreto dopo un lungo periodo di sonno.

    Al di là dell’evento del 10 marzo, ancora buio fitto sul nome del candidato sindaco. Giovedì scorso si è svolto un incontro coi vertici provinciali dei partiti a Milano, ma su Magenta non c’è ancora una chiara indicazione.

    A un certo punto della mattina è comparso pure Marco Ballarini, sindaco di Corbetta e coordinatore zonale di Forza Italia. Quali siano i suoi obiettivi non è dato sapere, tra le voci su una corsa di Linda Giovannini (sua vice sindaco a Corbetta) e l’esigenza di mediare tra le anime di Forza Italia e degli alleati.

    In corsa restano l’avvocato Elisabetta Lanticina, come anche Chiara Calati. Altri nomi potrebbero scaturire, benché le lancette del tempo stiano correndo assai. I senatori c’erano tutti, come anche i giovani. Nodi da sciogliere ne restano tanti: a differenza degli altri competitor, non c’è ancora un’idea di sede elettorale ma anche (nodo gordiano) le risorse economiche per la campagna. In piazza anche Giovanni Marradi, che da tempo sta partecipando agli incontri di Magenta Popolare (Luca Del Gobbo, come detto, è tornato pienamente in gara); l’avvocato, paladino del garantismo ed ex Vice Pretore di Abbiategrasso, sarebbe un ottimo candidato, come Ticino Notizie sostiene da oltre 1 anno.

    Vedremo cosa accadrà. L’impressione è che il candidato sindaco difficilmente sarà designato a breve. Ma lo sarà senza dubbio entro 1 o 2 mesi. Bisogna presentare le liste in Comune, pertanto è una scelta obbligata…

     

     

    Articolo precedenteMagenta, quel colabrodo della via Turati: tra buchi e rattoppi…
    Articolo successivoLuca Castiglioni, miglior acquisto di Progetto Magenta (che però perde qualcuno)