Magenta, Centro Aiuto allo Studio: una bella storia di volontariato

    24

     

     

    MAGENTA –  Il Centro Culturale “Don Cesare Tragella” è dal 2008 impegnato nel progetto del Centro di Aiuto allo Studio.

    Lo scorso weekend, era presente un banchetto fuori alla Basilica San Martino con volontari e ragazzi per raccogliere fondi attraverso la vendita di biscotti.
    “Il progetto è rivolto ai ragazzi delle scuole superiori del territorio ed ha lo scopo di accompagnarli verso una esperienza positiva e motivata degli impegni scolastici e dello studio, oltre che di aiutarli nel superamento di lacune regresse e recenti” – così il coordinatore del Centro di Aiuto allo Studio, Enzio Bianchi- ” La partecipazione è totalmente gratuita per i ragazzi, così come è gratuito il lavoro svolto dai docenti coinvolti. Interveniamo sulle situazioni di carenza scolastiche sia a livello di apprendimento che nel recupero delle motivazioni allo studio”.
    Il metodo del Centro di Aiuto allo Studio ha come fulcro un rapporto personale ed un percorso personalizzato il cui scopo è quello di rendere autonomo lo studente e di trovare la strada per superare le difficoltà che riscontra.
    L’attività di studio assistito è una grande opportunità anche per gli adulti (docenti e non) che si coinvolgono, perché attraverso la condivisione di un bisogno molto concreto vivono l’esperienza della gratuità ed imparano ad accogliere lo studente nella sua totalità, dando così risposta al grande bisogno educativo, che ancora oggi costituisce la vera emergenza sociale.
    Il Centro Aiuto Studio opera dal lunedì al venerdì (14,30-17,30) presso il Centro Parrocchiale Paolo VI (secondo piano), via S.Martino, 13 – Magenta.
    Abbiamo bisogno di persone disponibili a condividere, in totale gratuità, la nostra opera educativa, attraverso la loro presenza dal lunedì al venerdì con il compito di garantire l’accoglienza, la gestione segretariale e la messa in ordine delle aule.
    Se un maggior numero di docenti o universitari delle varie discipline si rendesse disponibile nell’aiuto allo studio, potremmo accogliere ed accompagnare più studenti.
    Per informazioni
    Articolo precedenteDiscarica Casorezzo-Busto: il 6 aprile udienza al Tar
    Articolo successivoAbbiategrasso, 50mila euro per i giochi nei parchi pubblici