Magenta/cascina Pietrasanta, inciviltà e bagni devastati: il rammarico della coop

    93

     

    PONTEVECCHIO DI MAGENTA – Basterebbero le immagini a descrivere quanto è successo sabato sera dopo l’ennesima bella serata all’aperto alla cascina Pietrasanta di Pontevecchio, dove spente le luci della grigliata con musica i gestori della coop San Rocco- realtà storica del Magentino- hanno dovuto loro malgrado fare la conta dei danni avvenuti nei bagni.

    Rimandiamo al post della Pietrasanta (che pubblichiamo integralmente) per chi volesse ‘appurare’ l’esatta entità del danno. Purtroppo non si tratta del primo caso manifesto di inciviltà, a cui siamo pressoché certi ne seguiranno altri. E’ lo zeigeist, lo spirito del tempo. Davvero un brutto tempo….

    “Dopo le belle foto e l’atmosfera magnifica che si è creata sabato sera, siamo purtroppo a dovervi mostrare quello che persone maleducate e irrispettose compiono all’interno dei nostri locali purtroppo sempre più frequentemente. I bagni esterni si presentavano in questo modo: bicchieri di vetro rotti in terra e all’interno degli urinatoi da muro, dispenser degli asciugamani rotti, rubinetti rotti e altri vasetti con i profumi buttati nel cestino, oltre alla carta sparsa per il pavimento e in strada.

    Ora, capiamo tutto, ma segni di inciviltà di questo genere ci rattristano il cuore e ci fanno perdere una parte di quella “poesia magica” che è stata vissuta ieri. Spero vivamente che le persone responsabili di questo scempio vedano queste foto e ripensino a ciò che hanno compiuto ieri sera e capiscano che dietro alla “facciata” della nostra cascina ci sono persone che si svegliano alle 5 del mattino e spesso vanno a dormire alle 3 del mattino del giorno dopo per organizzare una serata come quella di ieri. Che lavorano ore su ore per potervi offrire una location accogliente che vi faccia vivere sereni anche in questo periodo così anomalo. E se questo è il ringraziamento non possiamo che essere amareggiati.

    Ci rattrista anche pensare che ragazzi di 18/30 anni possano comportarsi in questa maniera danneggiando pesantemente gli arredi dei locali, dopo aver anche rotto bicchieri e bottiglie al tavolo sempre con l’arroganza di “essere dalla parte della ragione”. Signori, se questi sono gli uomini del futuro, mettiamoci una mano sulla coscienza… Non c’è futuro senza rispetto, verso le persone e verso le cose.

    Che dire… Siamo amareggiati da questi spiacevoli episodi e dagli atteggiamenti che spesso i giovani prendono magari anche dopo aver bevuto quel bicchiere di più. Siamo certi che queste “persone” siano una minoranza e che la maggior parte dei nostri clienti ci aiutino a continuare sempre col sorriso la nostra attività. Grazie a chi ci supporta sempre e grazie a tutto il nostro staff che si adopera sempre per la ben riuscita di tutti i nostri eventi, andiamo avanti!”.

    Articolo precedenteNavigare Bià: ad agosto, nei fine settimana, si torna a solcare il Naviglio (con visite guidate e pranzi)
    Articolo successivoMezzo secolo per il conte Max Ilardi, ‘social influencer’ di Bià