Magenta: Arpesella dona il ricavato di ‘Che storia stai mangiando?’ ad un agricoltore in difficoltà di Casate

229

MAGENTA/CASATE –  Chapeau a Maria Lorena Arpesella! Con i proventi del suo libro “Che Storia stai Mangiando?’”, insieme all’editore Luca Malini della casa editrice “La Memoria del Mondo”, ha staccato il primo assegno devoluto a favore delle piccole aziende agricole in difficoltà del nostro territorio e tutto questo a soli sei mesi dall’uscita editoriale. “Abbiamo consegnato l’assegno all’Ecoistituto della valle del Ticino Onlus – spiega Lorena – che, sempre in contatto con le realtà agricole locali vittime della crisi, ha deciso di destinarlo a Roberto Bovati, titolare del “Cascinello Quattro Fagioli” di Casate, frazione di Bernate Ticino”. Nello specifico di cosa si occupa questo agricoltore? “Coltiva cereali e l’assegno è stato provvidenziale perché gli ha permesso di riparare alcune attrezzature agricole che si erano rotte e avevano bisogno urgentemente di riparazione per poter continuare a lavorare nei campi. La cosa bella nell’aiutare queste piccole aziende e che, per loro, anche una cifra non esorbitante è di estrema importanza, rappresenta un aiuto concreto, una boccata di ossigeno nell’immediato”. Sarà stato contento il Signor Bovati… “Certo, ha organizzato una cena in cascina invitando un bel po’ di amici e cucinando, con i suoi prodotti, una serie di pietanze di cui avevo narrato la storia nel mio libro, concludendo la carrellata con l’irresistibile Pan Tramvai ed io ho così presentato a tutti loro “Che Storia stai Mangiando?”, raccontando le storie dei cibi che stavano gustando in quel momento. Un successo dopo l’altro per questo libro che rivaluta le tradizioni e la cultura gastronomica del nostro territorio. Ma lo stile squisitamente ironico della scrittrice magentina sembra avere varcato anche i confini nazionali, spingendosi addirittura negli USA. “Si – continua l’autrice – “Che storia stai Mangiando?” ha raggiunto due coppie di italo-americani, una in Virginia e l’altra in California a San Francisco. Tutto questo è meraviglioso, mi vengono i brividi al pensiero, con il libro è come se anche una parte di me fosse là. Scrivere è meraviglioso, ti dà il dono dell’ubiquità”. La prossima presentazione che farà Lorena sarà all’interno di un’apericena organizzata dall’associazione “Albero del riccio” il 5 ottobre alle 19,30 a Santo Stefano Ticino.

Articolo precedenteOscar Farinetti: ‘Chiudere i negozi la domenica? Una follia’
Articolo successivoIl Boffalorello batte la Vergherese 3 a 2. Il film della partita di Maurizio Genna