Magenta “All’opera”: ‘in diretta’ dall’oratorio estivo 2018

    249

    MAGENTA-  L’oratorio estivo non è soltanto un modo per divertirsi insieme ma anche un modo per imparare seguendo gli insegnamenti del Signore. Don Emiliano ci introduce al programma della giornata che si suddivide in tre momenti principali. Al mattino i cancelli si aprono alle 7:45, ma alle 9:30 inizia realmente la giornata in oratorio. Da li a poco si darà il via a giochi e balli, fino al momento del pranzo. Le attività riprendono nel primo pomeriggio e continuano fino alle 17:00,orario di chiusura.

    Le iniziative proposte dall’oratorio estivo sono molte,tra cui ricordiamo la piscina(attività già conclusa), la biciclettata di domani al Ticino per i più grandi e l’uscita al parco per i più piccoli e infine il 3 luglio la gita a Gardaland. Inoltre, al termine delle 4 settimane di oratorio, si propongono diversi  viaggi a seconda dell’età. Per i bambini delle elementari e per i ragazzi delle medie è in programma una vacanza in montagna in una casa in autogestione, per gli adolescenti dalla prima alla terza superiore è stato organizzato dall’ associazione “Liberi” un campo estivo in Calabria mentre  i giovani dalla quarta superiore in poi trascorreranno una settimana prima a Livorno e poi a Roma.

    I numeri degli iscritti all’ oratorio estivo, tra bambini e animatori, sono in crescita. Si stima che tra tutte le 5 parrocchie collocate a Magenta e frazioni ci siano circa 1000 partecipanti,tra cui  240  solamente nell’oratorio di San Martino.

    Gli animatori,svolgendo questo servizio, possono ottenere crediti scolastici. Si ricorda che l’impegno deve essere costante e sarebbe meglio che durasse per tutto l’anno. Da maggio in poi vengono infatti proposti incontri periodici, finalizzati a far entrare nell’ottica di cosa realmente sia l’oratorio estivo e di quale sia il compito degli animatori.

    Gli educatori, solitamente una o più persone in ogni parrocchia, svolgono un ruolo di coordinamento e spesso sono ragazzi già vicini alla parrocchia stessa,  che stanno studiando all’Università in seno a  facoltà legate al ruolo che svolgono in oratorio.

     Servizio a cura di  Giulia Accardo e Francesca Battioli  

    Articolo precedenteTentato furto alla Q8 di Vittuone, i Carabinieri mettono in fuga i ladri
    Articolo successivoSan Vittore Olona, ‘Donne in Canto’ accende villa Adele