Magenta, all’ASLAM formazione gratuita per imparare una professione

    113

    MAGENTA – Per trovare lavoro oggi, in particolare nelle imprese tecnologicamente più avanzate, occorre una preparazione specifica che raramente si riesce a trovare.  ASLAM la propone gratuitamente, attraverso l’iniziativa regionale denominata “Lombardia Plus 2016-2018”. Sono aperte infatti le iscrizioni al corso “Fabbrica 4.0: professionalità innovative per l’applicazione di tecnologie digitali nel controllo qualità”. Il percorso si rivolge ai disoccupati dai 16 ai 35 anni compiuti che abbiano conseguito una qualifica IeFP o un Diploma di Istruzione Superiore – con preferenza per gli indirizzi meccanici – residenti o domiciliati in Lombardia. I risultati occupazionali di iniziative simili proposte da ASLAM  sono incoraggianti: 50% tra coloro che hanno frequentato il corso precedente.

    Fabbrica 4.0: contenuti altamente innovativi
    Il percorso gratuito ideato da ASLAM intende formare la figura di Tecnico del controllo qualità – esperto in Reality Capture, Reverse Engineering e CND e riguarda l’applicazione dei controlli di qualità in campo aeronautico e meccanico attraverso lo sviluppo di contenuti altamente innovativi, come Capture Reality e Reverse Engineering. L’obiettivo, tramite Capture Reality, è mettere in grado lo studente di utilizzare i principali software per l’acquisizione della realtà a mezzo di sensori e software orientati alla lavorazione 3D avanzata. Il Reverse Engineering invece consente di ottenere file tridimensionali virtuali relativi a un particolare che si vuole elaborare. Per quanto riguarda i controlli non distruttivi (CND), infine, il corso si prefigge di insegnare specifici metodi di controllo: ultrasonoro (UT), visivo (VT) e con liquidi penetranti (PT).

    Ampi sbocchi lavorativi
    La professionalità acquisita tramite il corso di ASLAM è spendibile in aziende di lavorazioni meccaniche o di materiali compositi che producono semilavorati o prodotti finiti quali: acciaierie, tubifici, fonderie, officine meccaniche, costruzioni meccaniche e aeronautiche. Altri sbocchi lavorativi si trovano presso società di consulenza che effettuano controlli non distruttivi presso terzi o in aziende che fanno manutenzione meccanica per la valutazione di: corrosioni, erosione, usura, rotture incipienti e saldature etc.

    I risultati della formazione
    Nel corso è inclusa una buona parte di ore dedicate al tirocinio presso le aziende del settore, per mettere in pratica da subito ciò si è imparato. Si tratta del metodo migliore per entrare in contatto con le imprese e per avere maggiori possibilità di trovare presto un’occupazione. Infatti il risultato di percorsi simili erogati da ASLAM è stato che oltre il 50% dei frequentati ha trovato un impiego.

    Vantaggi per le aziende
    Grazie a questo corso le aziende del settore avranno a disposizione personale già formato su aspetti particolarmente specifici, evitando così costi rilevanti che andrebbero sostenuti per avere impiegati specializzati, in particolare nei controlli non distruttivi. E ciò risponde alle necessità attuali delle imprese, aspetto dal quale ASLAM parte sempre per ideare i corsi che propone. Infatti l’andamento del tessuto imprenditoriale lombardo mostra l’esigenza da parte delle aziende, soprattutto meccaniche e aeronautiche, di inserire personale con competenze tecnico-professionali specifiche, in grado di lavorare in autonomia utilizzando strumenti tecnologici avanzati, e faticano a trovare tali figure. Con questo progetto ASLAM intende esattamente colmare tale mancanza ottenendo un duplice risultato: creare nuove opportunità di lavoro attraverso la formazione professionale e accompagnare lo sviluppo delle imprese.
    Maggiori informazioni sul corso e scheda di iscrizione si trovano la seguente link:
    http://www.aslam.it/index.php/2017/02/20/formazione-gratuita-per-imparare-una-professione/

     

    I.P.

    Articolo precedenteUn murales per il Parco Pertini: appuntamento a venerdì
    Articolo successivoConvochiamoci per la pace e la questione migranti: lettera aperta a tutte le forze politiche magentine