Magenta: 25 anni di missione in Togo per Maristella Bigogno, un quarto di secolo raccontato da 23 anni dalle foto del calendario

207

MAGENTA Centinaia di immagini che riprendono volti e scene di vita nella missione togolese di Maristella Bigogno. Giunto alla sua 23esima edizione il calendario dell’associazione Cuori Grandi Onlus che, per il 2022, è intitolato «Il futuro dipende da ciò che fai oggi», è diventato ormai un oggetto da collezione. «Negli ultimi anni – ha spiegato il presidente di Cuori Grandi Francesco Bigogno – abbiamo scelto di dare spazio anche ai progetti in programma e a quelli realizzati nella missione in modo da dare una continuità al lavoro che si sta svolgendo». Le foto sono state realizzate dalla stessa Maristella, da suor Patrizia che fa parte della stessa missione, ma soprattutto dai volontari che si sono succeduti nel corso degli anni.

«Anche nel 2021, nonostante le tante difficoltà che tutti conosciamo – aggiunge Bigogno – siamo riusciti a portare nel Togo due gruppi di volontari provenienti da Verona». Oggi Cuori Grandi Onlus è una realtà che non abbraccia solo il territorio di Magenta, ma ha assunto carattere nazionale. A proposito della missione di Amakpapè quest’anno verrà celebrata un’importante ricorrenza, quella dei dieci anni di vita. Per Maristella, invece, con il mese di febbraio 2022 saranno ben 25 anni di missione in terra togolese. Un quarto di secolo e una vita spesa al servizio dei dimenticati dal mondo. «A mio avviso quello che ha fatto e continua a fare Maristella dimostra che si tratta di una donna retta dalla forza Divina – afferma il fratello – Nonostante le mille difficoltà quotidiane e gli inevitabili cedimenti, non si è mai tirata indietro».

Il calendario che quest’anno è stato venduto nelle librerie di Magenta, ha avuto un discreto successo. Alcuni calendari sono stati distribuiti alle scuole magentine in ringraziamento al loro aiuto. Precisamente alla scuola Santa Caterina dove le mamme delle classi quinte hanno lavorato per raccogliere i materiali da trasferire sui container, all’asilo Fornaroli dove sono state realizzate le magliette sempre per la missione africana e alle scuole IV Giugno, a Pontevecchio e alle scuole elementari del quartiere nord.

Articolo precedente++Cassinetta e scuole chiuse: Finiguerra spiega le sue ragioni
Articolo successivoMolestie sessuali a Milano: nota del ministro Lamorgese.. sette giorni dopo