NewsTerritorioTerritorio da vivere

Lunedì 12 luglio, “Le nozze di Figaro” chiudono il Varese Estense Festival

L’opera di Mozart nella produzione varesina slitta di un giorno e cala il sipario sulla rassegna organizzato da Officine Teatrali Red Carpet e Giorni Dispari Teatro, con il supporto della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate

VARESE – L’opera lirica chiude il Varese Estense Festival. Le “Nozze di Figaro” di Mozart, previste domenica 11 luglio, sono posticipate a lunedì 12 luglio per la concomitanza con la finale dei campionati europei di calcio. L’opera sarà messa in scena sempre sul palco allestito alla fontana dei Giardini estensi di Varese (in caso di pioggia al Teatro Nuovo in via Dei Mille).

 

 

Organizzato da Officine Teatrali Red Carpet e Giorni Dispari Teatro, con il supporto della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, il sostegno di Comune di Varese, Fondazione Cariplo, Fondazione Comunitaria del Varesotto e il patrocinio della Camera di Commercio di Varese, il Varese Estense Festival 2021 dopo il tutto esaurito del “Sogno di una notte di mezza estate” cala il sipario con una nuova produzione interamente “made in Varese”. L’opera “Le Nozze di Figaro” è infatti prodotta da InOpera Factory per la regia di Serena Nardi con l’Orchestra Sinfonica Estense diretta da Stefano Giaroli, il Coro Sinfonico Reine Stimme diretto da Sonia Franzese e gli interpreti: il baritono Nicola Ziccardi (Conte di Almaviva), il soprano Renata Campanella (Contessa di Almaviva), il soprano Giulia De Blasis (Susanna) e il baritono Filippo Polinelli (Figaro).

A Varese l’opera che Mozart scrisse tra l’ottobre 1785 e l’aprile 1786 su libretto di Lorenzo Da Ponte diventa una commedia moderna, dove i temi universali affrontati trovano corrispondenza nella società di oggi e nei riferimenti dei giovani.

«È prevalentemente ai giovani che vogliamo rivolgerci con questa produzione, nel tentativo di avvicinarli all’opera non solamente come genere musicale, ma come momento di narrazione dove vivere e ascoltare delle storie che, per quanto siano state scritte secoli fa, trovano nell’oggi degli elementi di attualità», spiega la regista Serena Nardi. Scene e costumi (di Nardi, Ludovica Diomedi ed Elisa Gelmi le prime; Nardi e Caterina Lanza i secondi) riportano infatti al contemporaneo nel raccontare una «giornata di folle passione». Prosegue la regista: «In un modo o nell’altro, nessun personaggio di questa storia, coro compreso, ama sottostare a regole precostituite. E se lo fa, morde, non visto, la corda che lo lega a qualcosa o qualcuno.

 

Ad annodare tutto e tutti c’è Eros, il dio bendato, c’è soprattutto lui, Amore, l’enfant terrible con le ali di un angelo svolazzante e irriverente. Al punto che questa storia rappresenta una sorta di “antologia” dell’amore raccontato in tutte le sue sfaccettature: dai tentativi di seduzione ai tentativi di tradimento, dalla gelosia al ricatto, dal desiderio di sfiorare, toccare, alla smania febbrile del possesso fisico». E continua: «Se in una lettura dell’opera conformata all’epoca degli autori aveva senso ricomporre le bizzarrie all’interno di una struttura politica, etica e sociale costituita e in teoria immutabile, oggi ha più senso provare ad andare oltre tutto ciò e scendere, per quel che è possibile, nella dimensione interiore dei personaggi. Per “leggerli” in quanto portatori di sogni e bisogni e simili ai nostri».

Così l’invito è a lasciarsi andare. «A ballare su una pista da ballo in bilico, che all’inizio è un po’ troppo piccola ma che poi, progressivamente, diventa sempre più grande, ma così grande che lì sopra, a danzare con Figaro, Susanna, Cherubino ci stiamo proprio tutti noi. Un poco storti, ma finalmente senza mascherina e senza distanziamento sociale», conclude Nardi.

Inizio alle 21, biglietti disponibili su eventbride oppure in loco dalle 18 di lunedì 12 luglio. 

www.vareseestensefestival.it

 

LE NOZZE DI FIGARO


Musica di W.A. Mozart – Libretto di L. Da Ponte
In occasione del 250° del viaggio in Italia di Mozart

Orchestra Sinfonica Estense
Direttore: Stefano Giaroli
Regia:  Serena Nardi
Coro Sinfonico Reine Stimme
Maestro del Coro: Sonia Franzese
Scene: Serena Nardi, Ludovica Diomedi e Elisa Gelmi
Costumi: Serena Nardi e Caterina Lanza

Personaggi e interpreti
Il Conte di Almaviva: Nicola Ziccardi
La Contessa di Almaviva: Renata Campanella
Susanna: Giulia de Blasis
Figaro: Filippo Polinelli
Cherubino: Mariachiara Cavinato
Marcellina: Livia Farnese
Bartolo:  Romano Franceschetto
Don Basilio: Stefano Consolini
Barbarina: Anna Capiluppi

Luci e audio: Marco Ogliosi
Direttore di scena: Alessandro Brachetti
Assistente alla regia: Mara Grisoni

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi